thumbnail Ciao,

Thohir si presenta così all'Inter come presidente: "Chi non salta è rossonero"

Il nuovo presidente dell'Inter è intervenuto in conferenza stampa parlando di quelli che saranno i suoi obiettivi per il futuro della società nerazzurra.



Prima conferenza stampa da presidente dell'Inter per il magnate indonesiano Erick Thohir, presentatosi davanti ai giornalisti insieme al nuovo presidente onorario Massimo Moratti. Ecco le sue prime parole pronunciate, prima di rispondere a quelle dei giornalisti.

"Ho tanti grazie da dire, il primo a voi stampa. E poi tanti altri molto importanti. Il primo a Dio, per avermi permesso di realizzare questo sogno. Un grazie anche alla famiglia Moratti, a Massimo per la fiducia ed il supporto che ha sempre dimostrato nei miei confronti e per una continuità di supporto che continuerà a darmi nel nostro cammino insieme. Ringrazio anche i miei partner che da vent'anni lavorano per me".

Thohir non vuole affatto avere aria da 'spocchioso', ma chiede aiuto per fare bene coi nerazzurri: "Vogliamo lavorare sodo e tutti insieme per raggiungere il meglio. Un grazie anche alle nostre famiglie perchè ci hanno sempre sostenuto e accompagnato durante questo periodo di avvicinamento all'Inter. Di sicuro manderò sms di notte al presidente Moratti. Un grazie ai tifosi di tutto il mondo, anche tramite i media ed i social network, mi hanno mostrato subito la loro grande vicinanza".

Un ringraziamento anche ai suoi collaboratori e la promessa di rendere la compagine nerazzurra, la società Inter, sempre più forte da tutti i punti di vista: "Grazie anche ai miei advisor, ai miei consulenti che hanno reso possibile il realizzarsi di questo sogno. Sarà importante per il nuovo quadro direttivo rendere una squadra entusiasmante, bella da vedere, vincente ed una società in salute dal punto di vista economico e finanziario per competere a livello internazionale. Il mondo del calcio dal punto di vista economico sta cambiando, il fair-play finanziario, sta cambiando. Io comunque voglio rendere questa squadra sempre più forte".

Abbiamo fiducia in Mazzarri, che sta gettando basi importanti, vogliamo rendere la squadra più competitiva
- Erick Thohir

Fiducia nell'attuale tecnico Walter Mazzarri: "Il nuovo quadro direttivo, Angelo Mario come vicepresidente, io, Andy e Rosan, quello che promettiamo è di lavorare duro insieme per avere obiettivi chiari. Insieme col mister Mazzarri e tutta la squadra. Da quando c'è Mazzarri sono state gettate le basi importanti per l'Inter del futuro. I prossimi 2-3 anni saranno essenziali per rendere la squadra ancora più competitiva. C'è fiducia in Mazzarri, vogliamo rendere la squadra ancora più vincente".

Un ricordo anche di Facchetti, prima di far sorridere stampa e tifosi con un 'Chi non salta rossonero è": "Vorrei citare un pilastro dell'Inter, Giacinto Facchetti, che ha detto che il segreto di ogni trionfo è la passione. Noi abbiamo passione. Di sicuro il ruolo di tutto lo staff che lavorerà per l'Inter sarà complicato e difficile, ma i nostri obiettivi saranno chiari, tutto sarà basato sul lavoro per continuare a rendere l'Inter vincente come l'ha resa Moratti. Vorrei inoltre dire 'Chi non salta rossonero è'".

Come ha sempre detto Facchetti, il segreto dei trionfi è la passione che ci si mette, noi abbiamo tanta passione
- Erick Thohir

Gli viene subito chiesto se già a gennaio ci saranno nuovi investimenti, cioè l'acquisto di nuovi giocatori da mettere a disposizione di Mazzarri. Ma Thohir non risponde direttamente alla domanda, ma continua a parlare dei suoi obiettivi commerciali: "La Serie A era famosa in Asia negli anni '80, quando io e i miei partner eravamo adolescenti. A quel tempo quindi tutti gli indonesiani potevano scegliere quale squadra tifare, ed era l'Inter. Sia in Asia che in Indonesia abbiamo l'obiettivo di coinvolgere le persone, mi piacerebbe poter aumentare il numero di tifosi nerazzurri nel mondo, attirarli e renderli parte di una grande famiglia nerazzurra".

Obiettivi commerciali che dovranno coincidere con la competenza sportiva della famiglia Moratti: "Una delle mie doti dal punto di vista commerciale è la pazienza, per questo ho lavorato e lavoro nel mondo mediatico e digitale. Speriamo che la nostra competenza dal punto di vista commerciale possa unirsi insieme alla pazienza e competenz della famiglia Moratti in ambito sportivo per far crescere questa squadra".

Sullo stesso argomento