thumbnail Ciao,

"Pessotto, o ti mangi questa minestra... ", greve e vergognosa ironia sul dramma umano del dirigente bianconero durante Parma-Juventus, ora il 'Tardini' rischia grosso.



Nell'epoca in cui la discriminazione territoriale impone la chiusura di interi settori degli stadi italiani i tifosi dei vari club continuano ad alzare il tiro, mostrando la faccia più feroce e crudele delle curve. Lampante esempio quanto accaduto ieri sera durante Parma- Juventus.

Vergognoso lo striscione esposto sugli spalti del 'Tardini', nella civilissima cittadina ducale, striscione dal sapore ironico ma piuttosto chiaro e difficilmente equivocabile: "Pessotto, o mangi questa minestra... ".

Scontato il riferimento a quanto accaduto nell'estate del 2006, quando la notizia del tentato suicidio da parte dell'ex terzino bianconero raggiunse la Nazionale impegnata nel Mondiale tedesco. Allora tutta Italia si strinse intorno al povero Pessotto, oggi però qualcosa sembra essere cambiato.

Dai morti dell'Heysel, passando per l'esondazione dell'Arno o l'eruzione (invocata) del Vesuvio, tante le provocazioni di dubbio gusto da parte dei tifosi più accesi, di ogni colore. Adesso sembra arrivato il momento di mettere un freno. Impossibile tollerare ancora che certe cose accadano impunemente, anche a costo di concentrarsi meno sulla tanto reclamizzata discriminazione territoriale...

Sullo stesso argomento