thumbnail Ciao,

L'Allegri furioso: "Seedorf? Il potere logora chi non ce l'ha, la panchina del Milan mette pressione"

Conferenza stampa per Allegri, domani big match contro la Fiorentina: "Dimentichiamo quello che è accaduto l'anno scorso. Giocherà Kakà. Balotelli migliora con gli arbitri".



Traballa Max Allegri. Forse. Una cascata di punti separano il suo Milan dalla zona europea. Scudetto e Champions? Meglio non pensarci. Resiste sulla panchina rossonera, il livornese. Galliani e Berlusconi hanno deciso di confermalo per ora. Tutti insieme per uscire dall'orrenda situazione di inizio torneo.

Dovrà comunque cominciare a fare punti, magari a convincere. Domani a San Siro arriva la tremenda Fiorentina di Vincenzo Montella, una delle migliori in questo avvio. Ora o mai più, il Diavolo deve recuperare le corna e tornare al top.

Allegri, tuta e pochi sorrisi, parla in conferenza stampa: "Quando mancano i risultati il responsabile è l’allenatore. Sugli errori singoli ce ne sono stati molti e vanno eliminati. Lavorare tutti insieme per aiutare il singolo soprattutto nella fase difensiva che va migliorata visto che anche fuori casa abbiamo subito 13 goal".

Tanti errori singoli, vanno eliminati. Serve lavorare tutti insieme per aiutare il singolo nella fase difensiva.
- Max Allegri

La Viola arriva a Milano a caccia di riscatto, ma il Diavolo non è da meno: "E’ una partita importante, cercheremo una grande prestazione oltre che ottenere un bel risultato. Con la Lazio dovevamo vincere e non ci siamo riusciti. Alla prima occasione subiamo goal, ma non dobbiamo abbatterci".

L'anno scorso la Fiorentina arrivò ad un passo dal terzo posto, arrivato al Milan tra le polemiche: "Andare a rievocare quello che è successo l'anno scorso non serve a niente, domani ci saranno due squadre che si daranno battaglia. Saremo molto arrabbiati noi, come loro. Fiorentina-Napoli? Le decisioni degli arbitri una volta sono a favore, una volta contro. Speriamo che gli arbitri sbaglino meno".

Allegri cerca di essere positivo: "Abbiamo fatto un punto più dell'anno scorso. Peccato che il distacco dalla terza è più elevato. Dobbiamo pensare di partita in partita, vediamo dove arriveremo. Puntiamo la Coppa italia, vogliamo vincerla. Abbiamo ancora la Champions. Non dobbiamo passare da momenti super come il Barcellona a sconforto come dopo le gare di campionato".

Fiorentina importante, si affronteranno due squadre arrabbiate. Dimentichiamo gli episodi dell'anno scorso.
- Max Allegri

Serve un cambio di rotta: "Gli stimoli non devono mancare, mancano ancora ventotto partite. Il nostro obiettivo è fare un punto in più dell'anno scorso. Matematicamente possiamo farcela, dobbiamo cominciare da domani a vincere. Dobbiamo essere concentrati, abbiamo tanti obiettivi da raggiungere. Dobbiamo migliorare in trasfera, siamo stati poco esuberanti".

Si è parlato di un vertice decisivo con Galliani nella giornata di ieri: "Ne facciamo da anni, mi fa ridere leggere che ne abbiamo fatto uno solo ieri. Con Berlusconi ci sentiamo settimanalmente". Ieri è arrivato l'attacco di Seedorf, Allegri imbraccia le armi: "Il potere logora chi non ce l'ha, non penso di essere l'unico responsabile del suo addio. La panchina del Milan mette pressione a chi non c'è. I fischi contro di me? Più che iusti".

Nonostante l'infrasettimane non si rinuncia a Kakà: "Domani giocherà, la squadra sta anche bene fisicamente. Riki ha fatto una grande partita, sta crescendo e ha voglia di dimostrare che è un grande giocatore. Non penso a cambiare sistema di gioco perché le caratteristiche dei giocatori sono queste. Non possono togliere certezze alla squadra. In porta giocherà ancora Gabriel".

Il Milan deve rinascere, con l'aiuto di vecchi (recuperati) e nuovi (dal calciomercato di gennaio): "Per El Shaarawy belle notizie, sta iniziando a correre. Dopo la sosta sapremo qualcosa in più. Rami e Honda aumenteranno il nostro tasso tecnico".

Balotelli? In chiusura Allegri è soddisfatto: "Il rapporto con gli arbitri sta migliorando. Mario sta dimostando di rispettare ogni loro decisione. La gomitata l’ho rivista in tv, ma non commento le decisioni dell’arbitro. Mario e Ricky si troveranno bene insieme giocando spesso. Il brasiliano è un esempio per tutti".


Sullo stesso argomento