thumbnail Ciao,

Un duro tackle di Chiellini, quando il risultato era già sul 4-0 a favore della Juventus, è costato caro all'attaccante del Catania Bergessio: frattura del perone e 2 mesi di stop.



E' un momento decisamente no per il Catania per quanto riguarda gli infortunati. Dopo Barrientos (circa un mese di stop per la frattura a una vertebra) e Plasil (out un mese e mezzo per una lesione agli adduttori), i rossazzurri perdono anche il loro centravanti Gonzalo Bergessio, infortunatosi durante la partita di ieri sera contro la Juventus, e il difensore Rolin.

Un intervento di Chiellini in scivolata da tergo, tanto duro quanto inutile visto che il risultato era già di 4-0 a favore dei bianconeri, costerà all'attaccante del Catania ben due mesi di stop, fra guarigione e riabilitazione. La diagnosi dell'infortunio è stata un mazzata per il calciatore: frattura del perone. Per Bergessio una brutta botta, anche morale. Laconico il suo commento sul suo profilo Twitter, con tanto di foto della lastra in cui si vede chiara la frattura all'arto.
Nel pomeriggio poi la società etnea ha diffuso sul proprio sito il comunicato ufficiale relativo all'infortunio cel centravanti argentino: "Colpito dal difensore della Juventus Giorgio Chiellini, - si legge nella nota - Gonzalo Bergessio ha riportato ieri sera la frattura composta del perone sinistro, evidenziata dall'esame radiografico al quale l'attaccante rossazzurro si è sottoposto, dopo la partita, al C.T.O. di Torino".

"Al generoso numero 9, - conclude il Catania - in campo fino alla fine della gara nonostante l'infortunio, auguri di pronta guarigione. Trauma contusivo-distorsivo alla caviglia sinistra per Alexis Rolin". Una mazzata anche per il tecnico del Catania De Canio, che in una settimana ha così perso per tanto tempo tre elementi fondamentali del suo schieramento più un difensore dalle caratteristiche peculiari.

Tanto più che si tratta anche dei rossazzurri con maggiori capacità sottoporta, visto che hanno segnato ben cinque dei 6 goal realizzati finora dalla squadra etnea (3 Barrientos e uno a testa Bergessio e Plasil).

Sullo stesso argomento