thumbnail Ciao,

Il club rossonero si prepara ad una vera e propria rivoluzione, possibile l'ingresso in società di partner arabi. La guida tecnica sarà affidata all'ex Seedorf.



Il merito del bel Milan visto contro il Barcellona? Di Silvio Berlusconi, of course. Parole e musica della figlia Barbara, subito pronta a spiegare come proprio una telefonata intercorsa tra il padre e Allegri abbia convinto il tecnico a recepire alcune indicazioni tattiche, rivelatesi decisive per il buon esito del match.

Ennesima conferma, se mai ce ne fosse bisogno, che il rapporto con il livornese è ormai giunto al capolinea. Ecco allora che, nonostante i molti problemi che attanagliano Berlusconi, proprio il patron, secondo quanto riportato da 'Tuttosport', starebbe lavorando ad una vera e propria rivoluzione rossonera.

Rivoluzione che prenderà il via dal cambio di guida tecnica, ruolo per il quale resta favorito Clarence Seedorf, uomo di fiducia del presidente e molto vicino a sedersi sulla panchina del Milan già durante la scorsa estate. Allegri resterà sulla tolda di comando fino a giugno, a meno di clamorosi crolli che farebbero propendere per una soluzione interna, leggasi Inzaghi o Filippo Galli. I cambiamenti però non finiscono qui, anzi.

Negli ultimi giorni Valentino Valentini, storico collaboratore del Cavaliere, avrebbe sondato il terreno tra Dubai ed Abu Dhabi per individuare un socio forte che faccia respirare le asfittiche casse del Diavolo. Viaggio esplorativo e poco più, almeno per il momento.

La famiglia Al Maktoum infatti, che continuerà a finanziare il club tramite la Emirates, sponsor rossonero, non sembra interessata ad una partnership in senso stretto. Resta dunque viva la pista che porta in Qatar, dove lo stesso Valentini nel recente passato aveva individuato sceicchi pronti a forti investimenti in Sardegna. Investimenti a cui si aggrappano i tifosi del Milan per tornare a sognare in grande.

Sullo stesso argomento