thumbnail Ciao,

Massimo Moratti ha confermato la propria candidatura alla presidenza del club nerazzurro, perlomeno fino a giugno 2014.



Questa sera l'Inter ha tenuto un'importante assemblea dei soci, presso la Sala delle Colonne della Banca Popolare di Milano. E' questa l'ultima Assemblea dei soci prima del passaggio del pacchetto azionario di maggioranza al magnate indonesiano Erick Thohir.

Tutto si è svolto regolarmente e secondo le aspettative, con grandi applausi che hanno accolto il patron Massimo Moratti, che ha tenuto il suo 'ultimo' discorso ai soci da azionista di maggioranza. "Ci sono persone di grande classe con cui ho lavorato - ha detto il presidente nerazzurro - Mi hanno aiutato. Consiglieri sia nel periodo di soddisfazione che nelle difficoltà. Tutte le vittorie, che sono 16, portano anche il loro nome. Tante battaglie insieme, tanti consigli giusti. E' stata un'avventura bellissima, con ricordi indelebili come lo sarà per tutti i tifosi nei vostri confronti. Meritate un applauso".

"Thohir è un socio che ha ambizione per fare bene in società - ha proseguito Moratti - Gli stessi soci sentono il prestigio e l'attrazione verso questa avventura importante, anche per le famiglie più importanti in Oriente. Si è conosciuti di più. Esercitiamo grande fascino. E sentono questo peso. Per questo ci hanno chiesto lavorare con loro. Però faranno programmi all'altezza dell'Inter".

"Da quello che ho visto finora ci sono sostanza e buoni propositi da parte loro. Abbiamo aderito ad andare avanti non più come maggiori azionisti, avevamo intenzione di ampliare le nostre possibilità e ci è sembrato giusto lasciare che altri investissero nella società. Sarà fatta un'integrazione in modo che l'Inter non ne soffra. Possibile ci sia una veloce ripresa e successo, sia nel campo commerciale che calcistico. Non vuol dire soldi e pazzie ma un progetto per vincere tutto. Sanno come si fa ad avere una squadra di livello e cosa serve
".

Ma chi sarà il presidente della nuova Inter? "Non abbiamo ancora deciso - ha detto ancora il patron nerazzurro - Loro sono cortesi, continuano a chiedermi che ci sia la mia permanenza. Vediamo se la cosa sarebbe un bene per l'Inter o rimanderebbe solo il cambio con una nuova proprietà. Il cambiamento ha voluto dire fare i conti col passato.  Serve fare una valutazione di chi lavorato con noi e verrà fatta da chi arriva. Per quanto riguarda gli errori delle persone attribuite dai giornali, è bene chiarire che tutti hanno lavorato con me. Sono state tutte conseguenza di mie decisioni. Invece tutti hanno lavorato per fare in modo di realizzare quello che io chiedevo. Non lo dico per difendere ma per dare peso a chi lavora con me. Hanno subito critiche forse più per me che per loro stessi".

"Noi abbiamo un po' uno spirito provinciale - ha concluso Moratti - ma la grave crisi che non ci consente di stare al passo con gli altri Paesi ci obbliga a un passo importante. Non si può avere risposta immediata in Italia con un investimento dall'Inghilterra. Credo che il calcio italiano si riprenderà".

"Il nuovo gruppo ci servirà per questo. I tifosi li ringrazio, li considero i veri proprietari del club. Senza di loro non esisterebbe nulla di questo. Sono il fondamento per il nostro successo. Gli voglio bene e pure loro a me. Li ringrazio per questo sentimento. Per fortuna concretizzato con vittorie
".

Scroscianti applausi per Moratti da parte dell'Assemblea, che ha poi confermato lui, il figlio AngeloMario e Rinaldo Ghelfi a rappresentare la 'vecchia proprietà' nel nuovo Consiglio d'Amministrazione che verrà formato una volta concretizzato il passaggio di proprietà. Un CdA che verrà ampliato con l'inserimento dei consiglieri che verranno nominati da Thohir.

Altro importante passo compiuto, poi, dall'Assemblea dei soci è stata l'approvazione del bilancio 2013, dal quale sono risultate perdite per 79,8 milioni di euro. Intanto Moratti, ha confermato che "Il 12 o il 15 novembre ci sarà il passaggio di proprietà, in un'assemblea che si terrà alle 10 del mattino per esigenze di fuso orario con l'Indonesia".

Sullo stesso argomento