thumbnail Ciao,

Il patron Moratti ha parlato questa mattina, fuori dai suoi uffici al centro di Milano. "Sono tre punti in meno, significa che si può fare di più nell'ampia scelta che c'è".



E' il primo stop dell'era Mazzarri. Roboante, visto il 3-0 con cui la Roma ha annientato l'Inter in soli quarantacinque minuti. Nerazzurri che ieri si sono risvegliati delusi, ma consapevoli di poter tornare a far bene dopo aver fatto segreto dei propri errori.

A fine partita, nello spogliatoio, il tecnico livornese ha provato a dare fiducia ai suoi: "Ha la capacità di trovare le parole giuste" ha evidenziato patron Moratti questa mattina, fuori dai suoi uffici al centro di Milano. "Sono tre punti in meno, significa che si può fare di più nell'ampia scelta che c'è".

La partita poteva prendere una piega totalmente diversa, il palo di Guarin ha bloccato la banda interista: "Ora saremmo qui a parlare diversamente. In fondo, ci serve come lezione per metterci a lavorare di più e per capire che certe partite, quando sono un po' storte, bisogna affrontarle in campo diversamente".

Il presidente nerazzurro vole comunque applaudire i suoi ragazzi: "Non ho nulla da dire, perché i ragazzi hanno provato a far goal fino alla fine. Di certo chi manca ha esperienza e può non perdere equilibrio nei momenti difficili".

Il rigore del 2-0 non doveva essere assegnato, visto il fallo fuori area: "Si è capito, ma non ti arrabbi subito all'inizio del campionato. Continuo a pensare che siano errori possibili. Spiace, perché son tre persone lì a guardare e manco uno che veda giusto. E' andata così, speri sempre che poi ti rifarai".

Chiusra su Thohir, le firme per il passaggio agli indonesiani dovrebbero essere imminenti: "Non lo so, vediamo. Intanto andiamo avanti. Da quante settimane si dice che siamo vicini..?".

Sullo stesso argomento