thumbnail Ciao,

Il presidente della Fiat ha elogiato anche i 'nuovi' Llorente e Tevez: "Lo spagnolo è la grande sorpresa di quest'anno, l'argentino un grande numero 10".



"Sulle sirene spagnole, inglesi o altro non commento". John Elkann non teme di perdere Andrea Pirlo, in scadenza di contratto a giugno. Il presidente della Fiat è convinto della forza del giocatore, così come di quella della squadra, la Juventus, che si è laureata due volte campione d'Italia negli ultimi due anni.

"Pirlo è un grande giocatore, la squadra si è rafforzata e l'obiettivo è di mantenerla così", ha dichiarato Elkann a margine di un convegno. Non solo Pirlo, appetito dalle big dei maggiori campionati europei (Premier League in particolare), ma anche Llorente e Tevez occupano i pensieri del numero 1 della Fiat.

"Abbiamo una squadra forte, i giocatori che l'hanno animata sono Llorente, che è la grande sorpresa di quest'anno, e Tevez, che è un grande numero 10. Mi danno molto conforto", ha sottolineato. Come a dire, il nuovo attacco, che mixa forza fisica e classe, sembra proprio ben assortito, turnover a parte, che spesso porta a mischiare le carte là davanti.

Non è mancata, poi, una battuta sul goal regolare annullato ieri al clivense Paloschi: "Quando ci sono errori molto chiari spiace. Ma non è colpa nostra e non è nostra intenzione lamentarci". Un errore che ha scatenato diverse polemiche, visto che Preti, il guardalinee che ha 'firmato' la svista, aveva già sbagliato pro-Juve in un'altra occasione, esattamente nella gara interna contro l'Inter dello scorso anno.

Sullo stesso argomento