thumbnail Ciao,

Preso Kakà, i rossoneri hanno in canna tre colpi per il prossimo gennaio: quelli del giapponese, del centrocampista del Genoa e del difensore del Cagliari.

I goal della Serie A sul tuo smartphone, all'istante! Scopri GoalFlash

Il calciomercato del Milan non finisce con il ritorno in rossonero di Ricardo Kakà. Per gennaio, infatti, il Diavolo ha già in canna 3 nuovi colpi, che rafforzerebbero ulteriormente la rosa a disposizione del tecnico Massimiliano Allegri per conseguire importanti obiettivi.

Il primo nome è quello di Keisuke Honda. Sul suo arrivo si sono alzate diverse nubi negli ultimi giorni, prima per le dichiarazioni al veleno del presidente del CSKA Giner ("In inverno Honda riceverà molte offerte e migliori stipendi rispetto a quello prospettato dal Milan"), poi per la freddezza dimostrata sul tema dall'a.d. Adriano Galliani.

Ma il Diavolo ha già un contratto quadriennale firmato dal giapponese lo scorso 5 agosto, e, salvo sorprese, alla fine dovrebbe spuntarla, pur non avendolo ancora depositato il Lega. Con il giocatore nipponico, che guadagnerebbe 2,7 milioni a stagione, il Diavolo sarebbe ampiamente coperto sulla trequarti in caso di assenza per qualunque motivo di Kakà, e non sarebbe costretto a cambiar modulo, tanto più che in rosa c'è anche il giovane Saponara.

Ma oltre a Honda gennaio vedrà anche, con ogni probabilità, l'arrivo al Milan di un centrocampista di spessore come Juraj Kucka. L'affare con il Genoa si sarebbe già potuto concretizzare in estate, ma poi l'arrivo di Kakà e il rifiuto di Niang di accettare la destinazione rossoblù hanno fatto slittare tutto all'inverno. Lo scarso spazio che probabilmente troverà il francese lo porterà a più miti consigli, e l'operazione dovrebbe farsi, visto che c'è già l'accordo con Preziosi sulla base di 6 milioni di euro e la metà del cartellino Niang.

Con il Cagliari infine, soprattutto qualora i sardi occuperanno una posizione tranquilla di classifica, dovrebbe riaprirsi il discorso per Davide Astori, ieri brillante quando è stato chiamato in causa nel secondo tempo di Italia-Bulgaria. Su di lui tuttavia ci sarà da battere l'agguerrita concorrenza di Napoli e Juventus.

In uscita, invece, resta pericolosamente in bilico la posizione di Stephan El Shaarawy. Gli acquisti di Kakà e Matri gli toglieranno gioco forza spazio, e qualora il Faraone dovesse finire ai margini del progetto, per lui a gennaio potrebbe concretizzarsi una cessione a un club che ha soldi da spendere e non ha paura di puntare sui giovani. Fra le possibilit destinazioni si parla al momento di Manchester City e Borussia Dortmund.

Sullo stesso argomento