thumbnail Ciao,

Jens Keller non ha dubbi: "Abbiamo pagato 12 milioni per un giocatore in piena forma. Il Milan si è ripreso a zero un giocatore totalmente svalutato. Ci abbiamo guadagnato noi".

I goal della Serie A sul tuo smartphone, all'istante! Scopri GoalFlash

Tre giorni a Nyon assieme ai coach dei top club europei nel meeting Uefa presieduto da Michel Platini e Pierluigi Collina. Fra riunioni, brain-storming e discussioni da 'nerd' dei tatticismi ecco che ad accendere la miccia ci pensa l'allenatore dello Schalke 04, Jens Keller, che nel rispondere ad una domanda sul domino Boateng-Kakà, ci va giù pensante:

"Noi abbiamo preso un ragazzo di 26 anni - dichiara ai taccuini di 'Tuttosport' - e loro uno di 31 che ultimamente ha passato più tempo fra panchina e tribuna che in campo. Poi noi abbiamo versato ai rossoneri una cifra attorno ai 12 milioni di euro per Prince mentre loro non hanno pagato nulla al Real Madrid per un giocatore venduto quattro anni fa per oltre 67 milioni. Fate un po’ i conti e vedrete che da una parte c’è un giocatore nel pieno della sua carriera, che ha un notevole valore, e dall’altra uno completamente svalutato".

Keller, che potrà schierare Boateng anche in Champions visto che la disputa dei playoff con un'altra squadra (Milan in questo caso) non preclude l'inserimento nella lista per la fase a gironi, prosegue così: "Da noi ha trovato l’ambiente giusto per tornare ai livelli di due stagioni fa. L’inserimento nello spogliatoio è stato perfetto: d’altronde è stato agevolato dal fatto di parlare perfettamente tedesco e di conoscere bene la Bundesliga per averci militato in precedenza con l’Hertha e Borussia Dortmund".

Boateng, sceso in campo solo due giorni dopo il suo arrivo a Gelsenkirchen, ha indossato per 84 minuti la sua nuova maglia ed è stato sostituito solo a risultato acquisito. Keller conclude: "Il suo esordio contro il Bayer Leverkusen è stato eccellente, ha dato un contributo importante al nostro netto successo per 2-0. I tifosi l’hanno accolto benissimo, quasi come un idolo, facendone subito uno dei loro beniamini. E quando Huntelaar si riprenderà dall’infortunio al ginocchio, avrà un grande aiutodagli inserimenti di Prince".

Sullo stesso argomento