thumbnail Ciao,

Il tecnico nerazzurro ha voluto elogiare anche la prestazione di Icardi e non ha voluto affermare nulla riguardo al possibile ritorno di Eto'o.

I goal della Serie A sul tuo smartphone, all'istante! Scopri GoalFlash
Esordio con vittoria per l'Inter di Walter Mazzarri in campionato contro il Genoa. Dopo un primo tempo un po' difficile nella ripresa la squadra nerazzurra è riuscita a sbloccare il match grazie al giapponese Nagatomo. Nel post-partita l'ex-allenatore del Napoli ha così commentato quanto visto in campo.

"La prima cosa che ho pensato è stata quella di dare sicurezza alla squadra, non vincevamo in casa da un bel po' di tempo. Volevo concedere poco al Genoa, così abbiamo fatto. La squadra sta crescendo ed ha mostrato di avere un certo equilibrio, è una cosa positiva. Avevo già previsto di fare dei cambi, Kovacic ha una autonomia ridotta".

Secondo Mazzarri la Juventus, se la crescita nerazzurra sarà costante, potrebbe non essere poi così lontana: "Dopo aver segnato ci siamo sbloccati soprattutto a livello mentale, si è visto anche un bel gioco. Sappiamo com'è la serie A, la Juventus si è ancora rafforzata rispetto all'anno scorso. Ma noi a poco a poco stiamo crescendo di più rispetto a quello che mi sarei aspettato all'inizio".

Affermazioni che provengono dal fatto che la squadra sta seguendo alla lettera i suoi insegnamenti: "Sono molto contento per il primo goal, è segno che i ragazzi stanno seguendo quello che sto dicendo loro in allenamento. In America non ho potuto lavorare come si deve su alcuni aspetti che mi sarebbe piaciuto affrontare meglio. Tutti hanno giocato molto meglio nella ripresa rispetto a quanto fatto nella prima frazione di gioco, anche Guarin".

Eto'o potrebbe tornare in nerazzurro, ma in questo momento Mazzarri non ci vuole pensare: "Non ho alcuna intenzione di parlare di mercato. Eto'o è sicuramente un grande giocatore, ma sono contento dei giocatori che ho in questo momento a disposizione. Voglio anzi elogiare la prestazione di Icardi, ha fatto bene giocando senza troppe responsabilità addosso. Tutta la squadra dovrà avere questo tipo di mentalità".

Sullo stesso argomento