thumbnail Ciao,

Al Bernabeu in campo per beneficenza, si sono rivisti in campo tanti giocatori che hanno fatto la storia delle due squadre, da Zidane a Nedved, passando per Hierro e Ferrara.

Santiago Bernabeu, Real Madrid batte Juventus 2-1. Sembra una delle tante sfide andate in scena in Champions tra i Blancos e Madama, invece trattasi della sfida tra vecchie glorie delle squadre, organizzata per beneficenza.

Nel tempio madridista è andato in scena il Corazon Classic Match 2013 Veracruz, il cui ricavato sarà devoluto alla Croce Rossa Spagnola, per favorire l'infanzia e la crescita dei bambini più bisognosi. Tante leggende in campo, tanti nomi che i tifosi hanno imparato ad amare nel corso dei decenni '90 e 2000.

Ad arbitrare la sfida è stato chiamato Pierluigi Collina, secondo alcuni l'arbitro più importante della storia: in campo ha vinto, come detto, la formazione spagnola. Vantaggio di Luis Figo, destro dal limite e Tacconi battuto al minuto sei.

Tanti cambi e condizione atletica non ottimale, infortuni per Salihamidzic, Helguera e Ravanelli. Vista la situazione curiosamente il fischietto di gara ha decretato la fine del primo tempo già al minuto 41.

Il pareggi italiano arriva al minuto 62: Amoruso serve Nedved, tocco dentro per il solissimo Montero che deve solo appoggiare in rete da due passi. Il vantaggio dura solo cinque minuti, Butragueno vede Perez che si libera di un avversario e deposita in rete.

Per il Real sono scesi in campo, tra gli altri, Illgner, Roberto Carlos, Hierro, Pavón, Iván Helguera, Redondo, Iván Pérez, Butragueño, Alfonso, Dani, Morientes, Figo, Amavisca e Karembeu

Dall'altra parte presenti Tacconi, Ferrara, Birindelli, Montero, Torricelli, Tudor, Davids, Nedved, Ravanelli, Jugovic, Kovacevic, Mirkovic, Cannavaro, Giannichedda, Porrini, Salihamidzic, Mauro e Amoruso.

Fabio Cannavaro ha giocato un tempo per parte, Zidane il 90% della gara con la maglia spagnola e una manciata di minuti con quella italiana.

Sullo stesso argomento