thumbnail Ciao,

Il tecnico bianconero ha ricordato nella sua biografia il primo incontro con il presidente Agnelli, nel quale ha introdotto tutte le sue innovative idee di calcio.

La Juventus è tornata a dominare il panorama italiano, tornando a dire la sua anche in ambito internazionale. Il merito è gran parte dell'allenatore Antonio Conte, che ha voluto ricordare tramite la sua biografia alcuni momenti del primo colloquio avuto con il presidente Agnelli.

Il tecnico salentino, allora sulla panchina del Siena, ha riproposto parte dell'incontro avuto a quel tempo con il patron, che poi lo scelse per la sua Juve: "Presidente, non se la prenda, ma la Juve gioca come una provinciale. Negli ultimi anni, non solo in questo, regala sempre metà campo agli avversari. Invece quando una squadra viene a Torino dovrebbe avere timore ancora prima di entrare in campo".

Conte propose poi la sua idea innovativa, che convinse Agnelli ad assumerlo come nuovo ct bianconero: "La Juve ha bisogno di giocatori che hanno fame di vittorie, che sposino totalmente il progetto. In questo momento i nomi non contano troppo. Dobbiamo introdurre una nuova idea di calcio in cui tutti attaccano e difendono. Come accade nel Barcellona".

Il ct era già convinto di poter rilanciare la squadra in tempi brevi: "Sono convinto che con il lavoro, con un'idea di calcio moderna, con un progetto vincente, la Juventus ha la possibilità di rientrare nell'élite del calcio nazionale e internazionale. E anche in breve tempo".

Sullo stesso argomento