thumbnail Ciao,

L'attaccante uruguagio cerca un po' di tranquillità dopo l'infortunio: "Alla fine ce l'ho fatta, ringrazio Zamparini e il mister per aver sempre creduto in me".

Per salvarsi serve fare punti con chiunque, anche con la capolista schiacciasassi Juventus. Il Palermo di Abel Hernandez, attualmente al quartultimo posto, non può sbagliare nulla per mantenere la categoria dopo una stagione veramente da dimenticare.

"È stato un lungo infortunio ma alla fine ce l'ho fatta. Sto bene, anche se mi mancano i minuti nelle gambe" evidenzia l'attaccante uruguagio a 'Telesud'. "Con la Juventus può succedere di tutto, sono pronto e ho tanta voglia di giocare, ma decide il mister".

Glis top non l'hanno mai lasciato libero di esprimersi appieno: "Sarebbe la mia prima volta allo Juventus Stadium, anche l'anno scorso ero infortunato. Dobbiamo lottare e  anche cambiare modo di giocare. Ilicic? Ora sente la fiducia del mister, prima veniva sostituito al primo errore".

Il compagno ha raggiunto la doppia cifra, trascinatore di questa parte di annata: "Sa di essere un fuoriclasse che può farti vincere da solo. Ha grandi colpi. Lui e Miccoli ieri hanno fatto molto bene in allenamento, sono quelli che tirano la squadra. Dipendiamo da loro, speriamo che possano giocare domenica".

Zamparini ha sempre difeso Hernandez: "Mi fa sentire importante, nonostante sia stato fuori sei mesi ha sempre creduto in me, così come il mister. Quand'è così cerchi sempre di dare il massimo. Penso sempre al futuro, il passato mi ha lasciato bellissimi ricordi, ma la realtà è un'altra. La Champions è un sogno, magari col Palermo...".

Sullo stesso argomento