thumbnail Ciao,

La scelta di puntare su Seedorf sarebbe anche emblematica per quanto riguarda il ritorno al potere di Berlusconi che riprenderebbe in mano la situazione rossonera.

La situazione sulla panchina del Milan continua a creare polemiche e scompensi nell'ambiente rossonero. In un periodo in cui quello che conta è solo il campo, continuano a uscire presunte dichiarazioni di Silvio Berlusconi.

Il fatto che il presidente del Milan non abbia esattamente un rapporto idilliaco con il tecnico toscano non è una novità, ma che in una situazione così delicata escano certe dichiarazioni forse appare eccessivo. Intanto perché destabilizzare un gruppo in grado di rimontare fino ad arrivare a un posto in Champions League potrebbe essere deleterio per queste ultime quattro decisive gare che attendono i rossoneri.

Allegri vuole arrivare al terzo posto e non pensare al suo futuro anche se tutto ormai lo porta lontano da Milanello. Galliani lo ha sempre difeso, lo ha sostenuto anche quando Berlusconi era più che mai convinto di volerlo cacciare. Ma il solo amministratore delegato probabilmente alla fine della stagione non basterà.

Galliani non basterà, nel Milan Berlusconi è tornato al potere
Indipendentemente dai risultati ottenuti. Si mormora che dopo la sconfitta contro il Malaga nei gironi di Champions League, il presidente rossonero abbia incontrato un paio di volte Clarence Seedorf per proporgli la panchina del Milan al posto di Allegri.

L'olandese però aveva deciso di giocare ancora un anno nel Botafogo e non aveva intenzione di subentrare a stagione in corso rischiando di bruciare prematuramente la sua carriera da allenatore. Le cose, però, potrebbero andare diversamente quest'estate.

Seedorf chiuderebbe la sua carriera calcistica per aprire quella da allenatore e per il Milan sarebbe l'ennesima scommessa, come quella fatta con Fabio Capello che arrivò ad allenare i rossoneri senza esperienza. In quel caso il futuro fu roseo e così potrebbe essere anche con l'ex numero 10 del Milan che per molti era considerato un allenatore in campo.

La scelta di puntare su Seedorf sarebbe anche emblematica per quanto riguarda il ritorno al potere di Berlusconi che, dopo aver lasciato decidere Galliani con Leonardo prima e Allegri poi, riprenderebbe in mano la situazione proponendo uno dei suoi eterni pupilli. Un giocatore con cui negli anni ha stabilito un rapporto di stima reciproca. Il Milan ai milanisti, con Seedorf, tornerebbe di attualità.

In questa possibile ipotesi, però, restano comunque alcune perplessità. Aldilà della mancanza di esperienza, Seedorf è sempre stato un giocatore di grande personalità. Ha una cultura invidiabile nel mondo del calcio ed è un personaggio serio e professionale.

Seedorf, le insidie: carattere forte
e tanti giorni all'esordio in panca
Insomma una figura dal sicuro physique du role, ma, a volte, questa consapevolezza di essere superiore lo ha portato a scontrarsi con caratteri altrettanto forti. E avere a che fare con un gruppo giovane tutto da costruire potrebbe essere una situazione ancora più difficile, piuttosto che ritrovarsi con un gruppo già oliato o con giocatori già esperti.

Clarence Seedorf ha sicuramente tanto da insegnare e sarà di certo in grado di trasmettere la sua professionalità e la sua esperienza di campo a chi certe esperienze ancora le sogna. La difficoltà vera sarà quella legata agli aspetti psicologici.

Cercare di tenere a bada l'esuberanza dei giovani, esattamente come Allegri ha fatto con El Shaarawy. Riuscire a tenere compatto un gruppo anche nelle difficoltà, esattamente come ha fatto Allegri a inizio stagione, quando il tracollo era più che palpabile. L'idea di portare Seedorf non deve far dimenticare il grande lavoro fatto dal tecnico toscano in questi tre anni.

Perderlo sarebbe un peccato per quello che tanto si è voluto identificare con il termine di progetto Milan. Ma a questo punto, la sensazione è che sarà proprio Allegri a decidere di lasciare. Troppe voci. Troppe dichiarazioni. Senza conferma, ma purtroppo anche senza smentita.

Segui Gaia Brunelli su

Sullo stesso argomento