Visita di controllo ok per Giuseppe Rossi, la Fiorentina non vede l'ora di riabbracciarlo: "Manca però ancora qualcosa..."

E' andata bene la visita a cui si è sottoposto ieri negli USA l'attaccante ex Villarreal, che ora dovrà seguire un programma di due settimane prima di rientrare in gruppo.
Giuseppe Rossi ha superato la visita di controllo a cui si è sottoposto nel tardo pomeriggio di ieri a Vail, in Colorado. Positivo il responso del professor Steadman - colui che nell'aprile del 2012 lo ha operato al ginocchio destro - sullo stato di salute dell'attaccante della Fiorentina.

"Grandi risultati con la visita, il dottor Steadman è un genio!", ha scritto il giocatore su Twitter. In giornata è arrivata una nota del club viola che ha contribuito a fare chiarezza sulla situazione: "Il controllo è andato molto bene, sono stati confermati la stabilità del ginocchio e un buon tono muscolare", ha spiegato il responsabile medico societario Paolo Manetti.

Non è tutto oro, però, quello che luccica: "Manca ancora qualcosa, per questo Rossi seguirà un programma di 2 settimane per incrementare l'intensità sul campo per poi gradualmente inserirsi in gruppo: davanti a una recidiva sui legamenti bisogna procedere con cautela. Comunque il professor Steadman ci ha confermato che il ginocchio è guarito e Giuseppe potrà tornare il campione che era".

Pepito, com'è noto, arriva da un tremendo doppio incidente: la rottura del crociato dell'ottobre 2011 e il successivo incidente, con identica diagnosi, di un anno fa circa, che impedì al bomber di prendere parte agli Europei.