thumbnail Ciao,

L'ad rossonero, a margine della presentazione della nuova lounge di Emirates all'aeroporto di Malpensa, ha parlato anche di Balotelli: "Magari andrà in panchina".

L'amministratore delegato del Milan, Adriano Galliani, dall'aeroporto di Malpensa, dove si è recato per la presentazione della nuova lounge di Emirates, partner dei rossoneri, ha parlato dei prossimi impegni della squadra di Allegri in campionato e in Champions League, degli obiettivi stagionali e del futuro del tecnico livornese.

"Il Barcellona continua ad essere la squadra più forte al mondo - ha affermato - speriamo che non si svegli proprio contro di noi. Tutti hanno alti e bassi, mi auguro che ricomincino a vincere dal 13 marzo... Ma ci penseremo da venerdì notte, ora pensiamo al Genoa. A parte la Juventus, che secondo me ha già vinto lo Scudetto, tutte le altre squadre, dal Napoli alla Roma, possono ambire al secondo posto".

Non manca un pizzico di rammarico per l'inizio di stagione in salita. "Nelle ultime 19 giornate abbiamo avuto un passo da Scudetto, peccato per l’inizio. - ha dichiarato Galliani - Abbiamo una squadra giovane, è stata durissima nei primi mesi ma abbiamo resistito con l’elmetto".

Grandi meriti vanno riconosciuti all'allenatore, Massimiliano Allegri, anche se sul tema rinnovo Galliani frena. "Pensate se avessi mandato via Allegri dopo 7 punti in 8 partite e fosse arrivato un altro al suo posto, facendone altrettanti... chissà che cosa avreste detto... - ha scherzato il dirigente rossonero con i giornalisti - Il rinnovo? C'è tempo, ha un contratto fino al 2014. Se ne parleremo a giugno? Non lo so, fra noi c'è un ottimo rapporto".

Contro il Grifone i rossoneri rischiano di dover fare a meno ancora una volta di Mario Balotelli, ma Galliani è ottimista. "Sta molto meglio, spero che recuperi. - ha detto - E' difficile che possa giocare dal primo minuto, magari andrà in panchina, vediamo cosa dicono i medici".

Balotelli o non Balotelli, l'amministrato delegato rossonero ha garantito che al Ferraris il Milan non sarà distratto dall'impegno europeo. "La squadra è concentratissima. - ha assicurato - Tutti sappiamo quanto sia importante andare in Champions League. Se perdereremo non sarà certamente per disattenzione".

Sullo stesso argomento