thumbnail Ciao,

Il barese avrebbe paragonato il giovane tecnico al portoghese, provocando un'escalation di provocazioni. Strama infuriato anche con chi ha fatto trapelare la notizia...

Tra Antonio Cassano ed Andrea Stramaccioni è andata esattamente così. Venerdì, partitella di fine allenamento: il barese si ribella ad una decisione del tecnico, che ad un certo punto manda tutti sotto la doccia. Il sarcasmo dell'attaccante, del tipo 'Ecco, Mourinho ha fischiato la fine', ha lo stesso effetto di una bomba.

Nasce un battibecco che prosegue fin dentro gli spogliatoi, dove i due contendenti arrivano quasi alle mani, prima del pronto intervento degli altri giocatori. E' il racconto dell'accaduto che ha scosso l'ambiente Inter, riportato dalla 'Gazzetta dello Sport'.

Il resto è storia nota: Strama ha deciso di non convocare Cassano per la trasferta di Catania, pur aprendo le porte ad una sua chiamata per il successivo impegno, a Londra contro il Tottenham. La società, Moratti in testa, approva la scelta del tecnico.

Non è la prima volta - in casa nerazzurra, ed in generale nella sua carriera - che 'FantAntonio' si rende protagonista di liti con gli allenatori (e qualche volta con i compagni, con gli arbitri...). Pare inoltre che il barese sia apparso ultimamente di cattivo umore anche perchè poco soddisfatto del livello tecnico di molti dei suoi attuali compagni di squadra: "Qui non si fanno tre passaggi di fila", si è lamentato qualche volta in allenamento.

Ma Stramaccioni, ennesima cassanata a parte, è arrabbiato anche per un altro aspetto, e cioè per il fatto che sia uscita fuori dallo spogliatoio - luogo sacro, a suo dire - una storiaccia così. E' già partita la caccia al misterioso delatore: "Chi ha raccontato tutto ciò non vuole il bene dell’Inter", è stato il j'accuse del giovane allenatore nella conferenza pre-Catania.

Sullo stesso argomento