thumbnail Ciao,

Il tecnico e l'attaccante barese hanno dato vita a un acceso diverbio dopo l'allenamento di ieri e sono stati divisi da Cordoba e la squadra. Oggi il confronto con Moratti.

Tira un'aria pesante in casa Inter dopo l'allenamento di ieri. Andrea Stramaccioni e Antonio Cassano avrebbero avuto un acceso diverbio negli spogliatoi che per poco non sfociava in scontro fisico, tanto che la squadra (su tutti Stankovic) e il team manager Cordoba si sono dovuti interporre ai due per dividerli.

Secondo quanto riporta la 'Gazzetta dello Sport', al termine della seduta di venerdì il tecnico romano e l'attaccante barese. La 'miccia' era stata accesa al momento di abbandonare il campo, con diversità di vedute che ha iniziato a scaldare i toni tra i due e sfociare in quasi rissa tra le mura dello stanzone.

Un episodio inatteso vista la stima reciproca sbandierata da sempre sia da Strama che Fantantonio, ma un paio di momenti in cui Cassano pareva non essere proprio il ritratto della felicità ci sono stati: dal battibecco con Guarin a Udine su una punizione da calciare, al malumore manifestato dopo essere sostituito nella ripresa del match col Pescara.

Toccherà al presidente Moratti fungere da ago della bilancia in mezzo a una situazione di sicuro poco piacevole. Il patron nerazzurro avrà un confronto con allenatore e calciatore per capire cosa è realmente accaduto e magari fare da paciere tra le parti.

Quella di ieri è solo l'ultima delle cosiddette 'cassanate': il pugliese iniziò nel 2001 in Under 21 quando lasciò il ritiro dopo una gara vista dalla panchina; le 'corna' mostrate a Rosetti durante la finale di Coppa Italia Milan-Roma a San Siro nel 2003; la manata a Chiellini in un Roma-Fiorentina, l'imitazione di Capello quando i due erano al Real Madrid; a crisi di nervi in Samp-Torino o la 'gaffe' sui gay in una conferenza stampa durante gli ultimi Europei.

Sullo stesso argomento