thumbnail Ciao,

L'ex difensore azzurro ha rivelato alcuni retroscena del suo incontro con il Pibe, ripartito ieri sera per Dubai al termine della sua due giorni napoletana.

"Abbiamo visto la partita insieme, non gli è piaciuto molto il modo di giocare del Napoli di adesso. Mi ripeteva: "Peppe, ma questi non attaccano mai?"". Parla Beppe Bruscolotti, ex difensore azzurro, che ha rivelato i contenuti del suo incontro con Diego Maradona, ripartito ieri sera per Dubai dopo una due giorni nel capoluogo campano.

Un incontro sul filo della nostalgia e dei ricordi: "Diego ha visto il campo di Udine e si è ricordato del goal di mano fatto sotto lo sguardo di Zico, lì al Friuli - ha sottolineato Bruscolotti ai microfoni de 'Il Mattino' - È scoppiato a ridere, ricordandosi anche del goal all'Inghilterra. Ore e ore trascorse sul filo dell'amarcord: "Che fine hanno fatto Garella e Renica?", mi ha chiesto ad un certo punto".

Ieri il commiato tra i due: "Sono andato in albergo a salutarlo. Gli ho portato un bel po' di chili di mozzarelle. Ci siamo commossi. Mi ha promesso che a Napoli tornerà presto: vuole organizzare una partita con i vecchi amici del Napoli".

La commozione, a quanto pare, è stata una costante della rentrèe dell'argentino. "Mi ha guardato negli occhi velati di lacrime e mi ha detto "Ti voglio bene"", ha dichiarato Lucia Rispoli, la donna che fino al '91 si è occupata della casa del Pibe.

"A quella frase ho risposto con un sorriso, abbracciandolo. Era come se rivedessi mio figlio dopo tanti anni. Perchè io Diego l'ho considerato sempre così: il mio dodicesimo figlio". La Rispoli ha potuto rivedere Maradona nell'incontro organizzato da Massimo Vignati, uno dei suoi undici figli, al ristorante di Bruscolotti.

Sullo stesso argomento