thumbnail Ciao,

L'ex dirigente di partenopei e piemontesi non crede negli azzurri: "Se dovessero accorciare a -3, la settimana successiva si ritroverebbero nuovamente a 6 punti di distanza".

E' un Luciano Moggi pungente, quello che si avvicina al match scudetto del San Paolo tra Napoli e Juventus. L'ex dirigente sia dei partenopei che dei piemontesi, non crede nelle chance tricolori degli azzurri e fa pendere il pronostico tutto dalla parte di 'Madama'.

"Anche se la Juve dovesse perdere al San Paolo non avrebbe nulla di cui preoccuparsi, perchè il Napoli non è da scudetto - ha detto Moggi a 'Radio Manà Manà Sport' - Faccio un esempio ciclistico: la squadra di Conte è tarata per la corsa a tappe, quella di Mazzarri al massimo può vincere una corsa in salita. Se i partenopei dovessero accorciare a -3, la settimana successiva tornerebbero a -6".

Sui fischi dei tifosi bianconeri a Giovinco, l'ex dg ha le idee chiare: "Chi lo contesta non capisce nulla di calcio. Vorrei ricordare ai contestatori che ha segnato 11 goal in stagione ed è il capocannoniere della Juve. Inoltre ha servito assist decisivi e con i suoi movimenti apre gli spazi ai suoi compagni. La Juve, a parte Buffon e Pirlo, non ha campioni e si basa sul collettivo. Giovinco è funzionale a questo tipo di gioco".

Sullo stesso argomento