thumbnail Ciao,

Anche contro il Milan, nel derby, il tecnico nerazzurro è riuscito a riportare in piedi il risultato nel secondo tempo: decisivo l'ingresso di Schelotto e la posizione di Guarin.

Lo ha ribadito più vole nel post-partita, Andrea Stramaccioni: l'intervallo è stato decisivo per dare una scossa alla sua Inter, alle corde nel primo tempo del derby e decisamente più pericolosa nella seconda parte della stracittadina.

Squadr catechizzata durante il quarto d'ora di pausa, quindici minuti per riprendere una gara che pareva oramai persa. E così Guarin è stato riportato nella sua zona più congeniale, mentre Schelotto è stao piazzato sulla corsia esterna.

Già, Schelotto. Il tecnico nerazzurro era stato preso di mira per la decisione di schierare da subito l'ex Atalanta nel match perso a Siena: stavolta l'italo-argentino è stato essenziale, in campo da pochissimo subito in rete.

Non è la prima volta che l'ex tecnico della primavera deve ridisegnare la squadra in corsa per non perdere: era già accaduto nel derby di andata, contro la Lazio, contro il Catania (prossima avversaria). Il prossimo passo sarà quello si non sbagliare approccio, così da non dover rivoltare tutto dopo 45 minuti.

Sullo stesso argomento