thumbnail Ciao,

"Ho visto la partita in tv, Hamsik non è riuscito a segnare, che peccato...", ha detto il Pibe de Oro, che in mattinata sarà protagonista di un'attesissima conferenza stampa.

E' voluto tornare all'Hotel Royal, dove trascorse nel 1984 i primi mesi della sua vincente ed emozionante avventura al Napoli. In quel periodo nessuno poteva pensare che Maradona diventasse un simbolo, una divinità per tutti i tifosi azzurri e non solo. I giornalisti lo hanno assediato come i bei tempi, e solo dopo le 22.30 el Pibe de Oro si è concesso una battuta.

"Sono felice di essere di nuovo qui. Ho visto in tv Udinese-Napoli: il Napoli doveva vincere, lo meritava. Hamsik non è riuscito a segnare quando ne ha avuto la possibilità. Peccato, perché ora la Juventus si allontana", le parole riportate dalla 'Gazzetta dello Sport'.

Insomma in attesa di incontrare Napolitano - come aveva svelato ieri il suo avvocato Pisani - Maradona ha tifato e sofferto per il suo Napoli. Con lui c'erano gli amici di sempre: Bruscolotti, Ciccio Graziani ed il suo ex autista Gianni Aiello. La sorpresa è stata la presenza del comico Alessandro Siani, invitato telefonicamente dal Pibe de Oro.

"Mi ha chiamato lui - ha raccontato il comico napoletano - e stavolta ero io a pensare fosse uno scherzo. Ha voluto incontrarmi perché gli sono piaciuti i miei film". Fra i due, riporta la 'rosea', c'è stato anche un simpatico siparietto: "Fammi fare una parte in un tuo film", propone Diego. "E tu fammi fare una piccola parte in una tua partita di calcetto", risponde Siani.

Maradona non è andato Scampia nè fatto visita al sindaco De Magistris - come aveva anticipato ieri il suo avvocato -, ma nella mattinata di oggi sarà protagonista di un attesissima conferenza stampa in corso Umberto, nella sala Masaniello. "Un ribelle perseguitato come lui", la presentazione dell'avvocato Pisani. Ci sarà da divertirsi.

Sullo stesso argomento