thumbnail Ciao,

Il difensore del Catania torna sull'episodio che lo ha visto cattivo protagonista nella vittoriosa trasferta di Parma: "Aver subito un torto non è una valida giustificazione".

Quelle immagini così inusuali di Nicola Legrottaglie, espulso per aver messo le mani addosso all'arbitro, addirittura spintonandolo, in occasione del goal segnato da Amauri a Parma nel finale del match poi meritatamente vinto dal Catania, evidentemente non sono piaciute in primis all'esperto difensore, che ha fatto della religiosità il suo credo assoluto.

Il buon Nicola dunque provvede subito a fare atto di penitenza, direttamente dalle pagine del sito ufficiale del club rossazzurro: "Ho sbagliato e chiedo scusa a tutti. Al direttore di gara ed ai suoi collaboratori, per l'insistenza delle proteste: nascevano dalla profonda convinzione di avere subito una scorrettezza ma questa non è una valida giustificazione".

"Alla squadra, al mister, a tutto il gruppo di lavoro ed alla società - continua l'esperto difensore - per avere rimesso in discussione una vittoria ampiamente meritata, lasciando il Catania in inferiorità numerica; al pubblico, infine, perchè sono altri i messaggi che cerco di diffondere, in particolare sul piano del rispetto, delle regole e delle persone, della sportività e della compostezza...".

Sullo stesso argomento