thumbnail Ciao,

A Marassi una Samp all’inglese con un goal per tempo liquida la pratica Chievo, centra la terza vittoria consecutiva tra le mura amiche ed incamera tre punti fondamentali.

Il pericolo più grande dopo la bella e convincente prova di Napoli era quello di trovare una Sampdoria meno concentrata e distratta nell’affrontare un avversario più alla sua portata. Per fortuna invece i blucerchiati non hanno assolutamente abbassato la guardia ed hanno affrontato il Chievo nella maniera giusta. Sono partiti a mille creando subito i presupposti per passare in vantaggio. Poli poco dopo la mezz’ora ha rotto gli equilibri e Romero qualche minuto più tardi ha conservato il vantaggio con una grande deviazione su tiro di Guana. Nella ripresa c’è stata la reazione della squadra di Corini ma il fortino doriano ha retto senza rischiare eccessivamente. Ed a pochi minuti dal triplice fischio ci ha pensato Eder a mettere in cassaforte una vittoria che significa molto per il raggiungimento della salvezza.

COSA VA - Ogni partita che passa questa squadra appare sempre più un gruppo unito capace di soffrire e di sacrificarsi nei momenti di difficoltà, ma anche lucido e spietato quando ha l’occasione di colpire. I pochi goal subiti non sono soltanto la diretta conseguenza delle prestazioni positive degli uomini della difesa ma rappresentano lo specchio della solidità e della compattezza che il Doria ha raggiunto per merito di tutti i suoi giocatori.

COSA NON VA - La Samp nella ripresa è sembrata un po’ troppo calare fisicamente. Pur non subendo eccessivamente, ha faticato nel tenere palla e nelle ripartenze. Ha dovuto lasciare quasi del tutto il pallino del gioco al Chievo che per tutta la ripresa ha tenuto i blucerchiati costantemente nella propria metà campo.

TOP & FLOP - Ha il merito di sbloccare la partita e di offrire per tutti i novanta minuti una prestazione ricca di qualità e quantità. E’ senza dubbio Andrea Poli il migliore in casa doriana. Il giovane centrocampista corre e lotta in mezzo al campo, con un gran bel goal sotto la sud segna la sua terza rete in serie A e si conferma sempre più un elemento valido sotto tutti i punti di vista. Da rimarcare ancora una volta anche le prove positive di Romero che salva il risultato sul finire della prima frazione, e di Costa sempre più una sicurezza nella retroguardia blucerchiata.

Giornata un po’ storta invece per Icardi che contro gli arcigni difensori clivensi non riesce mai a sfondare e ad essere pericoloso. Sfortunato nel guizzo che porta al giallo e non al rosso di Puggioni e che lo costringe anche ad uscire dal campo per un trauma al ginocchio ed alla coscia.

CONSIGLI PER IL MISTER - Quattro punti conquistati, due goal fatti e zero subiti. Difficile dare qualche consiglio a Fedele Limone che in queste due ultime giornate ha sostituito Delio Rossi, se non quello di provare per cabala a continuare a sedere ancora sulla panchina doriana. A parte gli scherzi forse per come si era messa la gara ieri, con il terreno pesante, la fisicità del Chievo, lo sforzo del primo tempo, sarebbe stato opportuno far entrare anche una punta di peso come Maxi Lopez in modo da avere in campo un elemento in grado di tenere alta la squadra e di fare rifiatare i compagni.

FUTURO - L’importante in questo momento è non montarsi la testa e trovare ancora l’umiltà per affrontare con la giusta attenzione e la necessaria grinta tutte le prossime gare. La strada intrapresa è quella giusta ma la salvezza non è stata ancora acquisita. La Samp dovrà quindi continuare a fare punti già da domenica prossima quando a Marassi arriverà il Parma. Sarà necessario dare il massimo perché se anche nell’ultimo periodo la squadra di Donadoni non ha ottenuto risultati positivi, darà  sicuramente del filo da torcere per ottenere anch’essa punti per rimanere nella massima serie. Davanti al proprio pubblico sarà quindi importante continuare a correre, a lottare senza distrarsi e con la fame di chi a tutti i costi vuole arrivare alla vittoria.

Sullo stesso argomento