thumbnail Ciao,

Nuovo ko in trasferta per il Chievo, Corini non si scompone: "Continuiamo così, i risultati arriveranno"

L'allenatore clivense ha fatto il punto sulla lotta salvezza: "Penso che possano servire fra i 38 e i 42 punti, sono tutte in corsa compreso il Palermo ".

Ennesima sconfitta fuoricasa della stagione oggi per il Chievo a Marassi contro la Sampdoria. Il tecnico gialloblù Eugenio Corini è amareggiato ma nel post partita preferisce porre l'accento sulla prestazione dei suoi.

"Abbiamo giocato una buona gara dopo un inizio difficile, cercando di imporre il nostro gioco, - ha affermato - ma subendo il goal di Poli nel nostro miglior momento. Nel secondo tempo abbiamo sempre attaccato senza però trovare il goal e subendo il raddoppio in contropiede. Dobbiamo continuare così perché poi arriveranno i risultati".

Nonostante sotto il profilo del gioco i veronesi non abbiamo demeritato, in avanti ancora una volta sono stati evanescenti, e per centrare la salvezza servirà qualcosa in più nelle gare che seguiranno. "La strada è lunga e la lotta sarà aperta fino all'ultima giornata. - ha detto Corini - Penso che possano servire fra i 38 e i 42 punti, ma per ora non si può dire. Sono tutte in corsa compreso il Palermo ultimo in classifica".

Per l'ex centrocampista, comunque, anche oggi la sua squadra ha avuto il giusto approccio alla gara sotto il profilo psicologico. "La squadra affronta le partita con la giusta mentalità, - ha sottolineato - cercando sempre di fare la partita e imporre il proprio gioco, perché è sempre meglio cercare la vittoria rischiando qualcosa che accontentarsi del pari".

Ha sorpreso la scelta di escludere dall'undici titolare Paloschi, preferendogli Samassa, che al Ferraris non ha certo brillato. "Abbiamo tanti attaccanti di valore e oggi ho preferito avere maggiore fisicità davanti e per questo ho puntato su Samassa e non su Paloschi. - ha spiegato Corini - Alberto resta comunque un giocatore importante per noi".

Sullo stesso argomento