thumbnail Ciao,

Adnan Adel Aref al Qaddumi, già un anno fa tentò di entrare nella Roma ma non ci fu nulla da fare perchè all'epoca non c’era la tracciabilità dei soldi.

Uno sceicco nella propria società del cuore. E' questo il sogno nemmeno troppo nascosto di tutti i tifosi italiani che sognano campagne acquisti fragorose alla PSG o alla Manchester City.

Mentre hanno deciso infatti di investire in campionati come quelli inglese, francese o spagnolo, gli sceicchi si sono sempre tenuti alla larga dalla nostra Serie A, questo almeno fino a qualche giorno fa quando la Roma ha annunciato un accordo preliminare con Adnan Adel Aref al Qaddumi.

In realtà, a differenza di quanto accaduto con altri club, questa volta c'è chi ha qualche dubbio in più in merito alle disponibilità economiche dello sceicco giallorosso che in queste ore si trova a Perugia per votare. Come riportato dal Corriere dello Sport, c'è ancora poca chiarezza sul suo patrimonio, sul fatto se nasconda qualche investitore o meno, del con chi abbia rapporti e che ruolo ha ad esempio Padovano.

Quello che si sa è che si è trasferito in Italia nel 1979, ha sposato una donna umbra, ha un figlio maresciallo dei carabinieri e che in questi anni ha lavorato come imprenditore nel ramo del petrolio. Poi, quindici anni fa, ha ereditato una fortuna, circa 2miliardi di dollari che però, dopo esser stati congelati in una banca giordana, solo negli ultimi mesi del 2012 sono effettivamente arrivati nelle tasche dello sceicco.

Il signor Adnan Adel Aref al Qaddumi, già un anno fa tentò di entrare nella Roma ma non ci fu nulla da fare perchè all'epoca non c’era la tracciabilità dei soldi, oggi a quanto pare le cose sono mature e Pallotta, che non ' certo uno sprovveduto, lo incontrerà nei prossimi giorni a Boston.

Intanto, secondo quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport, da Unicredit filtrano non poche perplessità e la Procura di Roma è pronta ad aprire un'inchiesta sull'andamento del titolo in borsa, il tutto mentre già si parla dello sceicco intenzionato a portare alla Roma Walter Mazzarri in panchina e Michele Padovano in società.

Sullo stesso argomento