thumbnail Ciao,

Il patron azzurro preferisce concentrarsi sulla sfida di lunedì con l'Udinese, "per vedere di che pasta siamo fatti. Mazzarri? Non c'è fretta, noi siamo il Napoli...".

La sconfitta di Plzen fa ancora male, ma ora il Napoli vuole rituffarsi a testa bassa nel campionato. Lunedì la durissima trasferta di Udine, venerdì prossimo il match-scudetto con la Juventus al San Paolo. Sarà una settimana-chiave per il futuro azzurro, ma questo non sembra smuovere più di tanto il serafico Aurelio De Laurentiis.

"Noi da scudetto? Nel calcio la palla è rotonda, si può vincere e perdere, noi siamo secondi e non mi sembra male - ha dichiarato il patron azzurro - E' inutile fare previsioni, si possono fare verso il 20 aprile, intanto pensiamo a giocare una partita alla volta come diciamo io e Mazzarri. Concentriamoci sull'Udinese e vedremo di che pasta siamo fatti".

Nessuna concessione alla curiosità anche sul futuro del tecnico: "Anche due anni fa il suo contratto era in scadenza e ci siamo seduti a parlarne soltanto a fine campionato trovando una soluzione per gli anni successivi. Lo faremo anche quest'anno trovando una soluzione soddisfacente per entrambi, adesso è concentratissimo sulla squadra e non mi sembrerebbe opportuno distrarlo".

Insomma, secondo De Laurentiis, per prendere una decisione "non c'è fretta e poi noi siamo il Napoli. Lui è Mazzarri, ma noi siamo il Napoli...".

Sullo stesso argomento