thumbnail Ciao,

Sul sito della curva interista è comparso un messaggio diretto per sensibilizzare i tifosi nerazzurri nei confronti di Mario Balotelli: "Non permetteremo di rovinare il derby".

Si è parlato tanto in questi giorni dell'accoglienza che potrebbe ricevere Mario Balotelli dai tifosi nerazzurri nel corso del derby tra Milan e Inter. Direttamente dalla curva interista è arrivato un comunicato che esclude qualsiasi coro di stampo razzista.

Ieri sera sul sito della Curva Nord è comparso un messaggio diretto per sensibilizzare i tifosi: "Fischiatelo, esprimete come volete il vostro dissenso, ma evitate gli ululati e le espressioni negro, nero, di colore. Saranno tutti lì pronti ad aspettare il nostro comportamento becero. Non abbiamo alcuna intenzione di dare la possibilità a 11 ultramilionari di mandare a casa 80 mila anime inebriate dal profumo della stracittadina. Non daremo la possibilità a chi ci aspetta al varco di aprir bocca. Né loro, né il loro presidente si faranno pubblicità sulla nostra pelle".

Il comunicato verrà anche distribuito all'ingresso dello stadio e, molto probabilmente, verrà riprodotto in stampe più grandi anche all'interno delle rampe d'accesso alla Nord. Una presa di posizione notevole da parte della tifoseria del club di Moratti, che aveva fatto di Samuel Eto'o un idolo indiscusso, prima di accogliere lo stesso Balotelli (agli inizi della carriera) in curva.

L'appello conclude allontanando ogni dubbio sulle intenzioni dei tifosi interisti, che promettono indifferenza: "Che il giocatore in questione sia un giovane viziato, che ha poco del professionista e con il quale non si è mai instaurato un rapporto di amore/rispetto come può essere con altri giocatori del presente o del passato è innegabile. Ma evitiamo di farci sentenziare ancora contro, di usarci come nuovi "dei del male" di turno. Anche perché un ultras che si fa diffidare per Mario Balotelli può solamente sputarsi in faccia da solo... Contiamo sulla vostra maturità, gente".

Tra l'altro nei giorni scorsi si era già respirata aria di pace. I rappresentanti delle curve di Inter e Milan si sarebbero infatti incontrati per ribadire quel patto di non belligeranza stabilito nel lontano 1983. L'intento è quello di preservare il derby da qualsiasi forma di violenza, esprimendo la propria rivalità soltanto a colpi di coreografie e cori.

Sullo stesso argomento