thumbnail Ciao,

Il difensore bianconero ha parlato del suo passato e del presente, che lo vede affermato nella rosa del club allenato da Guidolin, dove sta facendo molto bene.

Dopo qualche mese passato a fare la classica 'gavetta' in giro per l'Italia, Gabriele Angella ha trovato la giusta dimensione nell'Udinese, dove si sta ritagliando uno spazio importante.

Il difensore bianconero ha parlato ai microfoni di 'Udinese Channel', raccontando il suo arrivo in Serie A: "Il mio esordio è stato bello perché è stato a San Siro ma meno bello per il risultato, ma sono contentissimo di essere arrivato fino a qui, con i sacrifici che ho fatto. Sono sacrifici importanti, perché vedi i tuoi amici che escono, vanno a ballare e tu non puoi perché devi pensare alla partita. Non vivi la tua gioventù come gli altri, maturi un po' prima. Ma grazie al cielo sono stato ripagato, quindi ne vado fiero".

Nell'Udinese sta tirando fuori tutte le sue qualità, Angella è soddisfatto: "Io non avevo parlato col tecnico della mia situazione ma sono arrivato qui con tutte le migliori motivazioni, ero convinto dei miei meriti. E poi sono riuscito a far cambiare idea all'allenatore e rimanere qua".

L'imperativo ora è fare bene con la maglia bianconera, poi sarà lecito sognare: "Prima di tutto devo dimostrare qualcosa all'Udinese e devo fare molto bene per arrivare fin là. E' prematuro parlarne perché non ho fatto niente, vedremo in futuro. I goal realizzati? Sicuramente è fortuna, bravura è quando uno ne fa 149 come Di Natale. Ho una buona media goal ma penso sia una questione di fortuna per essere stato lì al momento giusto".

Sullo stesso argomento