thumbnail Ciao,

L'ex attaccante svedese avrebbe compiuto 88 anni a maggio. In Italia ha vestito anche le maglie di Atalanta e Torino. Era soprannominato dai tifosi 'o Banco 'e Napule'.

E' morto all'età di 87 anni Hans Olof Jeppson, detto Hasse, indimenticato attaccante del Napoli dal 1952 al 1956. Lo svedese si è spento nel suo appartamento a Roma, dove viveva. In Italia ha giocato anche con Atalanta (nella stagione 1951-52) e Torino: una sola stagione all'attivo in maglia granata, al termine della sua esperienza in azzurro.

Jeppson (52 reti in 112 presenze, 11esimo goleador di sempre nella storia del club) fu uno dei fiori all'occhiello del Napoli di Achille Lauro, che lo acquistò in cambio di 105 milioni di lire, una cifra astronomica per quei tempi. Per questo Hasse fu ribattezzato dai tifosi azzurri come 'o Banco 'e Napule'.

All'epoca era famoso per la capacità di realizzare goal difficilissimi, sbagliandone nel contempo altri ben più comodi. In patria ha vestito le maglie di Orgryte e Djurgarden, prima di sbarcare in Inghilterra (Charlton) e poi in Italia. Ha partecipato con la sua Nazionale ai Mondiali del 1950, conquistando il terzo posto.

L'ex campione è deceduto in seguito ad alcune complicazioni renali e cardiache, successive ad un intervento chirurgico a cui si era sottoposto a causa di una frattura al femore.

Questa la nota ufficiale del Napoli in memoria di Jeppson: "Il Presidente Aurelio De Laurentiis a nome della SSC Napoli esprime profondo cordoglio per la scomparsa di Hans Jeppson, uno dei calciatori più forti della storia azzurra".

Sullo stesso argomento