thumbnail Ciao,

L'attaccante rossoazzurro chiede più attenzione da parte del selezionatore dell'Argentina per i suoi connazionali a Catania.

Con l'Europa League sempre più vicina, l'attaccante e capocannoniere del Catania Gonzalo Bergessio sente di potersi togliere qualche sassolino dalla scarpa. In un'intervista esclusiva rilasciata a 'Tuttosport', il rossoazzurro ha polemizzato con il ct dell'Albiceleste Sabella: "L’Argentina possiede grandissimi giocatori però Sabella dovrebbe farsi vedere ogni tanto a Catania. Anche qui ci sono argentini bravissimi e che stanno disputando un ottimo campionato. Meritiamo più rispetto".

In Italia dal 2011, Bergessio ha messo insieme un buon numero di goal, sette in questa stagione, con tre marcature annullate: "Penso di non aver fatto ancora niente. A me interessa soltanto aiutare la squadra sempre, in allenamento come nelle partite. E’ vero, mi mancano tre gol, quelli contro Parma, Napoli e Juventus. Quello ai bianconeri? Mi sono arrabbiato soltanto dopo, quando ho potuto vedere le immagini, ma è il calcio. Per me gli arbitri sono sempre in buonafede".

Nel corso della chiacchierata, l'attaccante ha raccontato le circostanze che l'hanno portato a Catania, città che ha imparato ad amare: "Mi ha chiamato Simeone, ho detto subito sì, al di là della classifica. Ho fatto bene, il calcio italiano è uno dei tre più forti al mondo. Tifavo Roma perchè c'era Bati. Catania mi piace moltissimo. I tifosi sono con noi, ci trattano bene. Amano il calcio, come in Argentina. Gente calda. L’Etna è stupendo e pure le isole Eolie".

Con la pratica salvezza ormai archiviata, il Catania punta dritto verso l'Europa League: "Tra di noi sappiamo bene quanto sia dura contro le grandi squadre. Dobbiamo soltanto continuare così, fino alla fine. La svolta? Una maturità di tutto il gruppo arrivata al momento giusto. La partita più bella? Io avevo giocato poco, ma il 4-0 in casa contro la Lazio è stata la gara perfetta. Maran? E’ bravo, lavora benissimo. Mi piace per quello che ci fa fare, atleticamente e fisicamente".

Sullo stesso argomento