thumbnail Ciao,

Il centrocampista della Juventus spazza via le recenti polemiche con gli azzurri: "Erano un riconoscimento a quanto fatto negli ultimi anni, dire che la odio è un'assurdità".

Dal fuoco delle polemiche agli elogi verso squadra e città. Claudio Marchisio si avvicina all'insegna del fair-play al big match tra Napoli e Juventus, in programma tra otto giorni al San Paolo, spendendo parole 'al miele' nei confronti della piazza partenopea.

"Quelle parole, dal mio punto di vista, erano un riconoscimento al Napoli Calcio per quello che ha raggiunto negli ultimi anni in cui è risalito dalla serie C alla Champions League - le parole pronunciate da Marchisio all'Istituto Calamandrei di Crescentino, dove è stato ospite insieme a Chiellini, riportate da 'Tuttosport' - Ora è un tostissimo avversario per lo scudetto e da parte mia c’è massimo rispetto sportivo".

"Hanno scambiato una sana rivalità sportiva per odio e questo purtroppo accade troppo spesso nel nostro mondo, che di tutto ha bisogno tranne che di odio - ha proseguito il centrocampista - Si è arrivato a dire che odio Napoli: un’assurdità! Tutte le volte che ci vado mi strappa comunque un sorriso: partiamo da qua con la nostra nebbia e arriviamo con il sole, a goderci un golfo mozzafiato e persone meravigliose. E tra dieci giorni sarà meravigliosa anche la partita: una grande sfida fra due grandi squadre".

Campionato, ma non solo. Nel mirino di Marchisio c'è anche il sogno chiamato Champions: "Lo so che è difficile, ma noi cerchiamo di puntarci. E Londra (sede della finale, ndr) non sarebbe una meta turistica. La Champions è una competizione durissima, ma abbiamo visto il Chelsea l’anno scorso: si possono anche sovvertire i pronostici. E a noi la convinzione per raggiungere la finale non manca".

Sullo stesso argomento