thumbnail Ciao,

Non pare esserci spazio per ribaltoni: domenica non si gioca a Quartu. Le altre opzioni sono Livorno, Firenze, Bari e Siena. Voci incontrollate: il cda vuol ritirare la squadra.

Dove si gioca domenica? È la domanda che tutti, a Cagliari, si pongono dopo che il comune di Quartu Sant'Elena ha negato all'impianto di Is Arenas l'autorizzazione per ospitare la gara contro il Torino. Una situazione che probabilmente costringerà - stavolta sì - i sardi a scegliersi un'altra casa momentanea.

Difficile che possa accadere un ribaltone come in occasione del match col Milan di una settimana e mezzo fa, quando il club sardo ricorse al Tar e ottenne di poter giocare in casa. Stavolta, infatti, il Tribunale della Sardegna ha rigettato il ricorso del club sardo.

"Il parere in questione deve essere rilasciato, sussistendone i presupposti, dalla competente Amministrazione, presso la quale il procedimento pende da mesi, e non può essere richiesto a questo Giudice, di sostituirsi alla stessa con plurime richieste cautelari": così il Tar ha passato la palla.

Così, si torna alla domanda iniziale: dove si giocherà col Toro? Le ipotesi sono tante: da Bari a Firenze, passando per Livorno e Siena. Ma un'altra possibilità da non scartare affatto, e che anzi potrebbe diventare la principale nei prossimi giorni, è Pescara, dove i club del Cagliari sono numerosi e calorosi.

Che in una situazione del genere non ci sia spesso spazio per la razionalità, è però evidente dalla ridda di voci incontrollate che si sono rincorse ieri: il cda del Cagliari starebbe addirittura pensando al ritiro dal campionato e alla messa in liquidazione del club. Ma sono, appunto, soltanto voci senza troppo fondamento.

Sullo stesso argomento