thumbnail Ciao,

Il tecnico della Juventus teme il clamoroso ritorno dei rossoneri e poi spiega che non farà riposare i diffidati contro il Siena: "Preferisco vincere e poi avere uno squalificato".

Premiato con la Panchina d'Oro per lo straordinario lavoro svolto alla guida della Juventus nella scorsa stagione, Antonio Conte non molla un attimo la presa sui suoi ragazzi, attesi alla strigliata all'alba di oggi nel gelo di Vinovo.

Messa al sicuro la qualificazione ai quarti di finale di Champions League, la Vecchia Signora deve ora rintuzzare la rimonta del Napoli in campionato, ma il tecnico bianconero spiega che contro il Siena non ci sarà nessuna strategia per risparmiare i diffidati in vista del successivo, fondamentale big match del San Paolo.

"La partita con il Siena è fondamentale - spiega alla 'Gazzetta dello Sport' - Vale esattamente come lo scontro diretto col Napoli, dobbiamo tornare subito alla vittoria. Non si può più scherzare, ogni gara è una finale mondiale. Non schierare i diffidati? Preferisco vincere e poi avere uno squalificato, piuttosto che perdere dei punti e avere tutti a disposizione...".

Ma non è solo il Napoli a preoccupare Conte, che a sorpresa rilancia le chance di un avversario che appare sempre più 'indiavolato': "Il Milan con Balotelli può vincere lo Scudetto già in questa stagione: il campionato è ancora lungo. E a proposito di Milan, spero che passi il turno con il Barcellona: tifo sempre per le squadre italiane e a maggior ragione in un periodo nel quale dobbiamo recuperare punti nel ranking europeo".

Per il tecnico leccese cantano sempre più suadenti le sirene straniere, Chelsea in primis, ma Conte giura amore a lungo termine per la sua Signora: "Fanno piacere gli apprezzamenti, significa che la Juve un anno fa ha scelto nel modo migliore. Ma non dimentico che la mia crescita è legata a quella della squadra...".

Sullo stesso argomento