thumbnail Ciao,

Il Milan, non potendo competere dal punto di vista economico con le super big, ha scelto di intraprendere questa squadra, ora non resta che attendere i risultati sul campo.

Quello intrapreso dal Milan è un progetto chiaro ed estremamente preciso. Ritenuta fino al termine della scorsa stagione una squadra 'vecchia', quella rossonera si riscopre oggi non solo estremamente rinnovata, ma anche ringiovanita ed ambiziosa.

Come riportato dalla Gazzetta dello Sport, questo Milan, con i suoi 27,76 anni di media, è il quarto più giovane in Champions League degli ultimi venti anni. Non si può ancora parlare di un gruppo baby ma, le differenze rispetto al recente passato sono evidenti e, in meno di due annate, l'età media è stata abbattuta di ben tre anni.

Un risultato non casuale e destinato a migliorare ulteriormente visto come è stato improntato il mercato rossonero. Galliani, in tempi non sospetti, ha fatto sapere che in via Turati si punterà solo suoi migliori Under 23 in circolazione, la volontà è quella di creare un ciclo nuovo e vincente andando a colmare, attraverso operazioni azzeccate, il gap dalle super potenze europee che invece continuano a spendere milioni per giocatori già affermati.

Il Milan, non potendo competere dal punto di vista economico, ha scelto di intraprendere questa squadra, ora non resta che attendere i risultati sul campo. Intanto, i tifosi sognano con i vari Balotelli, El Shaarawy, De Sciglio e Niang e, proprio quest'ultimo, in estate firmerà il contratto che lo legherà al club meneghino fino al 2018.

De Sciglio si è visto aumentare lo stipendio nei primi giorni del 2013, nei giorni prossimi toccherà anche ad El Shaarawy, il simbolo del nuovo percorso rossonero.

Sullo stesso argomento