thumbnail Ciao,

Altro che spogliatoio in subbuglio alla Roma, parola di Andreazzoli: "Ho un gruppo stupendo. Rigore? Tutto chiarito in un confronto a tre"

L'allenatore giallorosso ha voluto commentare, in occasione della premiazione per la panchina d'Oro, quanto successo sabato scorso contro la Juventus di Conte.

Due giorni dopo la vittoria contro la Juventus in campionato torna a parlare il tecnico della Roma Aurelio Andreazzoli. Il quale, ai microfoni di Sky Sport 24, vuole smentire in maniera categorica la presenza di particolari problemi all'interno dello spogliatoio giallorosso.

"Quella contro la Juve era una tappa importante, abbiamo vissuto con molta intensità e tensione il pre partita. I ragazzi poi si sono espressi bene e questa è stata la cosa positiva. Abbiamo analizzato tutto insieme alla squadra ed hanno seguito quasi alla lettera tutto quello che avevamo preparato. Nel mio lavoro mi ha agevolato molto lo stare qui a Trigoria, conosco tutti gli aspetti del centro sportivo e della vita della società all'interno del centro".

Ancora una volta Andreazzoli vuole smentire la convinzione secondo la quale a Trigoria lo spogliatoio sia spaccato: " Questo della Roma è un gruppo di lavoro stupendo, che non mi ha creato nessun problema. Non ho avuto necessità di fare puntualizzazioni sui comportamenti.

Ho messo solo alcune rigide regole e non ho avuto problemi a farle rispettare. Se ci sono stati dei problemi come quello del rigore insieme a me lo abbiamo risolto sia davanti alla squadra che con un colloquio a tre. Non è assolutamente vero quello che emerge fuori
".

La conclusione è dedicata a Daniele De Rossi e Osvaldo: "Ho applaudito Zeman, ma non abbiamo avuto modo di incrociarci. De Rossi ha ampi margini di miglioramento, ma con la Juventus ha giocato bene ed ha fatto il massimo di quello che può fare in questo momento. Sicuramente il ballottaggio al quale è stato sottoposto prima lo ha un po' disturbato".

Sullo stesso argomento