thumbnail Ciao,

Ieri Cavani, Cannavaro e il resto della compagine partenopea si era lamentata per il terreno di gioco nel match pareggiato 0-0 contro la Sampdoria di Delio Rossi.

Dopo la gara paraggiata contro la Sampdoria, quella che poteva avvicinare il Napoli alla vetta, è stato coro unico: assurdo giocare in un terreno come quello del San Paolo, da Cannavaro a Cavani, passando per tutti gli altri, si è evidenziata l'impossibilità di far bene in tali condizioni.

All'indomani dello 0-0 azzurro contro i blucerchiati di Delio Rossi, Giovanni Castelli, agronomo della Lega calcio, ha evidenziato come da stamani si sia all'opera per sistemare il terreno in vista della prossima sfida di campionato.

"Esatto, sono tutti a lavoro per nrendere nuovamente praticabile il campo. Occorre precisare che si cambia il lenzuolo, ma il materasso è uguale" le dichiarazioni a 'Radio CRC'. "Il manto erboso dura massimo due tre mesi, il tempo utile per arrivare alla fine del campionato".

Mancano più di dieci giorni al big match più importante della stagione, quello contro la Juventus: Si sta ricambiando al San Paolo il manto erboso appoggiandolo sul terreno esistente. Mancano diversi giorni prima della gara, sufficenti.

Prima non si poteva agire per problemi di logistica clima e metereologia, ora sono problemi che adesso non ci sono più. Il campo quindi dovrebbe essere perfetto per il primo marzo. Il campo verrà rizollato in tutti gli ottomila metri quadri, con questi mega rotoli di erba
".

Sullo stesso argomento