thumbnail Ciao,

Il tecnico del Bologna non ha invece voluto commentare l'operato dell'arbitro che lo ha allontanato dal campo del Massimino prima della fine della partita.

Dopo il k.o. del 'Massimino' di Catania il mister del Bologna, Stefano Pioli, ha parlato così ai microfoni della stampa.

"Il secondo tempo è stato nettamente diverso dal primo - ha spiegato l'allenatore del Bologna analizzando la gara -  Sono deluso ed amareggiato per i nostri primi 45 minuti perchè il Catania ha fatto molto più di noi, nella ripresa abbiamo cercato il pareggio ma non ci siamo riusciti. Do dei grandi meriti al primo tempo dei rossazzurri, noi abbiamo avuto una buona reazione ma purtroppo torniamo a casa senza risultato".

Adesso, però, la classifica non sorride ai felsinei: "Stiamo pagando un inizio di campionato difficile e vogliamo arrivare a 40 punti il prima possibile. I risultati di oggi, però, ci dicono che ci sono tante squadre in pochi punti e adesso dobbiamo reagire".

Sulla lettura tattica del match, Pioli si è espresso così: "Siam partiti con tre giocatori offensivi, il Catania ci ha schiacciati nella nostra metà campo, noi abbiamo cercato di cambiare nel corso della gara ma non siamo riusciti comunque a pareggiare".

Pioli, però, non vuol sentire parlare di Diamanti-dipendenza, "Diamanti oggi non era nella sua migliore giornata, ma nonostante questo nel secondo tempo abbiamo creato 2 o 3 occasioni da goal molto nitide, quindi non credo che dipendiamo solo da Diamanti sebbene sia un giocatore molto importante".

Infine, un secco 'no comment' sull'espulsione: "Non voglio parlare dell'arbitro".

Sullo stesso argomento