thumbnail Ciao,

L'attaccante italo-argentino, finito nel mirino dei contestatori dopo il rigore di 'Marassi', è ancora in dubbio per la sfida di stasera. Possibile l'addio a fine stagione.

Andreazzoli non ha di certo usato molti giri di parole: "Se sta bene, gioca". Se sta bene già, perchè Osvaldo, il grande imputato di una delle settimane più difficile nella tormentata stagione della Roma, rischia seriamente di dover guardare il big match contro la Juventus da semplice spettatore.

Il dolore al ginocchio destro, causato da uno scontro con Castan avvenuto in allenamento una decina di giorni fa, persiste. Qualora non dovesse farcela il tecnico giallorosso lancerebbe dal primo minuto Perrotta, dando vita ad una squadra decisamente più abbottonata.

Il rapporto tra Osvaldo e la piazza romana, deterioratosi ulteriormente negli ultimi giorni, è stato travagliato fin dal suo arrivo. Basti pensare al furioso litigio della scorsa stagione con il compagno Lamela al termine del match con l'Udinese, senza dimenticare quello ancora più duro con Heinze di qualche settimana dopo. Per arrivare alla stagione in corso, quando Zeman lo escluse dall'elenco dei convocati per l'Atalanta, accusandolo di non mettersi a disposizione del gruppo.

A tutto questo si aggiunga la squalifica di tre giornate maturata in Coppa Italia per la gomitata rifilata a Matheau,  per non parlare della sua mancata partecipazione alla tournnè invernale negli States, giustificata con un'influenza che i maligni hanno etichettato come semplice scusa per poter trascorrere il Capodanno con la fidanzata. Ipotesi questa peraltro smentita ieri da Andreazzoli.

Non è un mistero comunque che, qualora arrivasse l’offerta giusta, a Trigoria non ci penserebbero un attimo a cedere Osvaldo, anche perché il sostituto sul quale scommettere è già in casa e si chiama Destro. L'arrivo di un tecnico che  stimasse l'italo-argentino però cambierebbe decisamente lo scenario, e su questo fronte è da registare il corteggiamento dirigenziale nei confronti di Manuel Pellegrini, da sempre grande estimatore del numero nove giallorosso.

Sullo stesso argomento