thumbnail Ciao,

L'Osservatorio nazionale sul doping, in accordo con il Presidente dell'agenzia mondiale antidoping, ha dato il suo ok al passaporto biologico anche nel mondo del calcio.

Svolta epocale nella lotta al doping. Anche nel mondo del calcio verrà approvato il passaporto biologico per ogni giocatore. L'Osservatorio nazionale sul bullismo e doping insieme al Presidente dell'agenzia mondiale antidoping, John Fahey, hanno dato il via libera a questa misura di controllo.

Scelta giusta quella di effettuare a livello ematico i controlli antidoping, come sottolinea lo stesso allenatore dell'Inter, Andrea Stramaccioni: "Si è una scelta corretta a mio avviso", queste le sue parole, commentate  anche dal segretario nazionale Luca Massesi: 'Penso che un tecnico serio - prosegue - dovrebbe sempre avere posizioni nette e consone al grande ruolo che riveste, non solo come allenatore, ma anche come educatore e comunicatore. Ed e' per questo, quindi, che sono davvero felice per la lealta' intellettuale con la quale anche l'allenatore del Napoli, Walter Mazzarri, ha asserito in conferenza stampa di non capire, perche' non si facciano i controlli sul sangue a fine partita visto che, a suo dire, sarebbero piu' attendibili di quelli sulle urine e anche piu' facili da fare. Anche noi dell'Osservatorio ci poniamo lo stesso interrogativo''.

Fahey sottolinea come anche il mondo del calcio deve trovare la forza di combattere il doping: "Gli strumenti efficaci ci sono e pertanto dobbiamo davvero incoraggiare societa' e dirigenti ad utilizzarli''.

Infine, il presidente dell'Osservatorio Serena Parisi, pone l'interrogatativo sul perchè il passaporto biologico sia già stato adottato da 25 discipline, dunque: "perchè non il calcio? Possibile che ai Mondiali non ci siano mai giocatori dopati? Se questo fosse vero, saremmo i primi ad esserne felici!''.

Sullo stesso argomento