thumbnail Ciao,

"Stiamo costruendo bene, siamo in finale di Coppa Italia" dice il ds. Sull'opinione negativa dei tedeschi nei confronti del nostro calcio: "Per me la Serie A resta la migliore".

Igli Tare non ci sta. La sua Lazio, costruita a poco prezzo, se la sta giocando per un posto in Champions League. Un cammino da applausi, corredato dal raggiungimento dei sedicesimi di Europa League, dove stasera giocherà l'andata contro il Borussia Mönchengladbach. Eppure, le voci contrarie nella Capitale non mancano mai.

"A Roma sento troppe critiche verso questa squadra e questa società - dice il ds biancoceleste al settimanale tedesco 'Kicker' - Qui purtroppo è pieno di pseudo esperti. Non possiamo fare investimenti massicci, ma da anni stiamo costruendo con successo: abbiamo portato a casa due trofei, siamo in finale di Coppa Italia. Io li vedo come risultati positivi".

Le critiche di qualcuno nei confronti della gestione della Lazio vanno di pari passo con l'opinione negativa che in Germania hanno del nostro calcio. "Ciò che dicono da voi è in parte vero - afferma ancora Tare - ma osservando le cose da lontano queste hanno sempre una connotazione negativa. A casa guardo molte partite della Bundesliga, ma per me il calcio italiano resta il migliore".

A proposito di Germania: il centravanti e simbolo attuale della Lazio è, guarda un po', tedesco. "Klose ha una classe indiscutibile, però non dipendiamo da lui e mi pare che lo abbiamo già dimostrato in Europa League. E poi abbiamo Floccari, che sta vivendo un momento eccezionale".

Sullo stesso argomento