thumbnail Ciao,

Senza sconfitte da tre partite, il Genoa vuole continuare a marciare sulla strada giusta. Moretti: "Brava la società ad agire sul mercato". Manfredini: "Avanti così, serve umiltà"

In casa Genoa ci si gode il buon momento coinciso con il ritorno sulla panchina di mister Ballardini e quei tre risultati utili consecutivi (due pareggi esterni ed un successo casalingo) che sono serviti per agguantare un quartultimo posto che in questo momento significa salvezza.

Ma il difficile dovrà ancora arrivare e Emiliano Moretti lo sa bene: "Stiamo attraversando un buon periodo, ma basta un risultato negativo per essere di nuovo risucchiati. - ha dichiarato il 31 enne difensore ai microfoni del sito ufficiale della società ligure - Abbiamo sempre lavorato con impegno sia prima che dopo l'arrivo di Ballardini".

Un momento positivo che secondo Moretti ha come principale protagonista l'intera società: "I dirigenti hanno compiuto un grande lavoro in sede di mercato comprando giocatori pronti e adatti al nostro progetto che si sono subito inseriti bene nel gruppo" ha continuanto il difensore nativo di Roma.

Decisiva anche la 'scossa' Ballardini: "Il mister è una bravissima persona, semplice, umile e non ha bisogno di alzare i toni per essere ascoltato - ha precisato Moretti, che ha già la testa al match di domenica al Marassi contro l'Udinese - Loro sono fra le squadre più difficili da affrontare. Sono imprevedibili, hanno giocatori rapidi, tecnici e che approfittano di ogni spazio.

Il difensore ha infine sottolineato quanto, ora più che mai, la vicinanza dei tifosi sia fondamentale per il gruppo: "Domenica servirà il miglior Genoa e il sostegno del nostro pubblico. I nostri supporters sono capaci di fare la differenza come avvenuto con la Lazio".

Massima concentrazione solo sul prossimo match con i friulani anche per Thomas Manfredini, acquistato nel mercato di riparazione e subito entrato nello scheletro dei titolarissimi con cinque presenze su cinque dal primo minuto: "E' un'altra gara fondamentale per confermare i progressi e far punti prima di un doppio turno in trasferta (Palermo e Roma, ndr)" ha affermato Manfredini sempre ai microfoni di 'Genoacfc.it'.

Lanciato in Serie A proprio dall'Udinese a soli 19 anni, Manfredini non dimentica i bei momenti passati in Friuli: "Indimenticabile la prima stagione e quando a Perugia segnai il primo goal nella massima serie non dormii per due notti di fila". scherza il centrocampista ferrarese.

Lavoro e umiltà, è questo però il cocktail suggerito dall'ex centrocampista, fra le altre, proprio di Udinese e Atalanta: "Non possiamo permetterci distrazioni, non abbiamo la posizione idonea per poter guardare in faccia nessuno" ha concluso Manfredini.

Sullo stesso argomento