thumbnail Ciao,

Il capo delle operazioni azzurre Alessandro Formisano lancia l'allarme per il 2013/2014: "Abbiamo dato la nostra disponibilità al comune, ricevuta nessuna risposta".

Nella prossima stagione europea, probabilmente in Champions League, il Napoli potrebbe essere costretto all'esilio. Niente San Paolo, il capo delle operazioni azzurre Alessandro Formisano lancia l'allarme per il 2013/2014.

"Lo stadio San Paolo ha bisogno di lavori urgenti, in mancanza dei quali potrebbe non essere rilasciata la licenza dall'Uefa per giocare le competizione europee a Fuorigrotta nella prossima stagione" riferisce a 'Radio Marte'.

"Oggi i delegati Uefa verranno a controllare se sono iniziati i lavori da loro prescritti allo stadio lo scorso dicembre. Ma questi lavori, che secondo il nostro programma dovevano essere avviati lunedì scorso, non sono iniziati perchè alla nostra proposta al Comune di cominciarli anticipando i soldi necessari non abbiamo ancora avuto risposta".

Programma di 25 punti presentato dalla Uefa al club di De Laurentiis: "Sono lavori importanti per la normale funzionalità dello stadio, che vanno dalla rimozione di infiltrazioni d'acqua che provocano problemi ai calcestruzzi, fino ai bagni della curva".

"Noi abbiamo fatto un lavoro preparatorio, realizzando un progetto con un cronoprogramma di attività e abbiamo offerto la nostra disponibilità al Comune di Napoli di anticipare i soldi e realizzare i lavori. Abbiamo comunicato la nostra disponibilità un mese fa, ma non abbiamo avuto risposta".

E ora il Napoli rischia seriamente di dover giocare le gar casalinghe europee fuori dal San Paolo.

Sullo stesso argomento