thumbnail Ciao,

Il nigeriano, due goal in due presenze, spera nella salvezza dei toscani: "Il nostro campionato è molto difficile, ma abbiamo le qualità per risalire la classifica".

Non è più una meteora. Innocent Emeghara, attaccante arrivato da due settimane al Siena ha già conquistato critica e tifosi. Due gare da titolare all’attivo e due goal messi a segno contro Inter (storica vittoria dei toscani) e Bologna.

La salvezza per i toscani adesso non è più una sfida impossibile. E il merito è anche dell’attaccante svizzero di origini nigeriane. Quasi un paradosso. Il calcio, però, a volte porta con sé storia incredibili. Come quella di un ragazzo orfano nato in povertà a Lagos e poi trasferitosi in Svizzera per cercare di diventare 'grande'.

Stiamo parlando di Emeghara che dalle pagine di Tuttosport rivela: “Quando ho lasciato la Nigeria per la Svizzera non è stato facile, perché sono andato a vivere in un Paese completamente diverso. Poi la vita ha fatto il resto”. Ovvero il trasferimento allo Zurigo, poi al Winterthur, passando per Grasshopper e Lorient, la stagione passata.

Ma il presente e il futuro dell’attaccante svizzero sembra essere scritto: “Sono molto contento di essere qua, la Serie A è il sogno di qualsiasi giocatore. Il nostro campionato è molto difficile, ma abbiamo le qualità per risalire la classifica. Qui c’è un buon gruppo". E poi, con un pizzico di ironia ammette: “A Siena si mangia bene, la città è bellissima”.

Sullo stesso argomento