thumbnail Ciao,

Il patron degli abruzzesi ha parlato a proposito dell'ex tecnico giallorosso, incontrato sabato: "Credeva nel progetto tecnico in giallorosso, è dispiaciuto".

Dopo Foggia, Zemanlandia si è rivista a Pescara. Zdenek Zeman aveva creato, la scorsa stagione, un gioco scintillante culminato con la promozione in Serie A, oltre a regalare al calcio italiano tre come Immobile, Insigne e Verratti.

Ora che è stato esonerato dalla Roma, il tecnico boemo potrebbe tornare all'Adriatico nella prossima stagione. Possibilità concreta? Per ora il diretto interessato tace a riguardo, così come il suo ex presidente, Daniele Sebastiani.

"Abbiamo fatto colazione insieme sabato mattina, perché era venuto a Pescara per un torneo di golf. Ho un grande rapporto con lui, ci vediamo spesso: non era un incontro dovuto al suo esonero. È stato veramente molto carino, perché è arrivato a Pescara ed è andato a salutare per primo mister Bergodi".

Il patron biancazzurro ha parlato a 'Radio Sportiva': "Per chi ha fatto bene e si è comportato correttamente con questa società, le porte sono sempre aperte, per lui come per Di Francesco. Dopo l'esonero dalla Roma, l'ho trovato un po' incazzato, perché credeva molto al progetto tecnico e, probabilmente, ci sono stati motivi diversi per cui non è riuscito a portarlo avanti".

"Ci teneva molto a tornare sulla panchina della Roma, dove aveva lasciato qualcosa di incompiuto, e finire così lo ha lasciato profondamente dispiaciuto". Lui come tanti tifosi giallorossi che non condividono la decisione della società.

Sullo stesso argomento