thumbnail Ciao,

L'attaccante giallorosso è stato preso di mira da alcuni tifosi: sassi contro la sua auto. Totti basito dopo il penalty battuto dal compagno, De Rossi lo difende.

Non bastasse l'ennesima sconfitta e una situazione di classifica sempre più difficile, è nel post Sampdoria-Roma che i problemi giallorossi sono ulteriormente aumentati. Lite tra Osvaldo e i tifosi, dura contestazione nei confronti dell'italo-argentino.

All'aeroporto di Genova scatta il confronto tra due ultras e l'attaccante della Nazionale: "Bravo, bravo, bel rigore. Sei peggio di Floccari" dice uno. Lui non ci sta e contrattacca "Che vuoi? Ce l'hai con me? Alzati se hai coraggio". Colloquio animato, Muzzi e Scala intervengono per calmare le due parti, secondo quanto affermato dalla 'Gazzetta dello Sport'.

"Noi stiamo in curva tutte le domeniche e abbiamo speso 200 euro per venire qui. Ci fate ridere dietro in tutti gli stadi d'Italia, impegnatevi di più" replicano i due, prima della pronta risposta di osvaldo: "Sono disponibile a parlare, ma voi non fate i coatti. Noi ci impegniamo, ma voi non lo capite proprio perché siete tifosi".

Il tutto sta alla base del calcio di rigore sbagliato da Osvaldo, con Totti basito: "Subito ci sono rimasto un po' così... ma poi abbiamo chiarito tutto nello spogliatoio. Io con Daniel ho un buon rapporto, mi dispiace che i tifosi se la siano presa con lui".

A Fiumicino l'auto del giocatore è stata presa di mira da una ventina di tifosi, sul suo Maggiolino uova e qualche sasso per sfogare la propria rabbia. "Volevo dare qualcosa in più, sono molto amareggiato. So che ora avrò tutti contro e mi volteranno le spalle, diventerò ancora più forte" aveva detto l'ex Espanyol nel post-gara.

Anche De Rossi lo difende: "E' stato uno slancio d'amore, voleva risollevare le sorti della squadra. Se avesse segnato parleremmo di personalità. La cosa deve finire qui, la prossima volta magari Francesco si imporrà. L'importante ora è non mollare Daniel, perché si rischia di perderlo. E non ce lo possiamo permettere. Bisogna stargli vicino, nello spogliatoio era veramente distrutto".

Sullo stesso argomento