thumbnail Ciao,

L'allenatore degli etnei è soddisfatto della prova dei suoi ma ammette che l'epilogo poteva essere diverso: "Buona gara con la giusta propositività su un campo difficile".

Il Catania aggiunge un altro punto alla sua già ottima classifica, ma il match con l'Atalanta lascia un pizzico di rammarico a Rolando Maran. Il tecnico elogia i rossoazzurri per quanto mostrato all'Atleti Azzurri d'Italia, ammettendo però che l'esito sarebbe potuto essere diverso.

"Credo che oggi sia mancata solo la zampata finale per portare a casa la vittoria - ha detto nel post-gara - Oggi il Catania ha incontrato una squadra non semplice su un campo reso molto difficile dal clima freddo. Una gara comunque buona da parte del Catania entrambe, con la giusta propositività".

Il 4-2-3-1 scelto dall'allenatore etneo, ha convinto: "Ho provato a mettere in campo una formazione che potesse far male con i quattro là davanti e con due mediani, uno dei quali era Lodi che è un giocatore prettamente di qualità. Eppure abbiamo avuto grande equilibrio e partecipazione in tutto".

La testa è già rivolta al prossimo impegno col Bologna: "Dobbiamo riscattare la prestazione perché a Bologna siamo naufragati dopo un buon inizio. Cosa che non deve accadere e ora accade molto raramente. Mi ricordo bene tutti gli errori, soprattutto dobbiamo tenere a mente quella partita e la rabbia con al quale siamo usciti dal campo".

Chiusura dedicata a Marchese: "Non è in difficoltà. È un professionista che si sta allenando e io lo vedo e lo giudico per quanto fa vedere in campo. Le sue cose deve discuterle con la società", ha concluso Maran.


Sullo stesso argomento