thumbnail Ciao,

L'italo-argentino ha spiegato i motivi che lo hanno portato a presentarsi dal dischetto al posto di Totti: "Mi volteranno le spalle, ma sono sicuro che con la Juve mi riscatterò".

Il rigore 'sottratto' a Totti e poi sbagliato farà discutere per diverso tempo, ma Pablo Daniel Osvaldo chiarisce i motivi che lo hanno portato a presentarsi dal dischetto al posto del numero dieci durante il secondo tempo del match che ha visto la Roma uscire sconfitta da Marassi.

"Mi sentivo di calciarlo perché volevo dare qualcosa in più alla squadra in questo momento complicato - ha spiegato l'attaccante italo-argentino a 'Roma Channel' dopo il ko con la Sampdoria -  E' stato bravo Romero perché ha fatto il passo dall'altra parte, conosceva come tiravo ed è andato sul lato giusto".

"Sono molto amareggiato, ma bisogna guardare avanti
- ha proseguito il numero nove giallorosso - Riceverò delle critiche, tutti mi volteranno le spalle ma sono sicuro che già da sabato darò il massimo contro la Juve e presto mi riscatterò con il goal".

L'errore dagli undici metri è solo l'ultimo episodio di un'annata 'stregata': "E' un momento difficile ma dobbiamo restare uniti, chiediamo il sostegno della gente - ha sottolineato Osvaldo - Le responsabilità? Sono di tutti, ora dobbiamo ritrovare fiducia".

Sullo stesso argomento