thumbnail Ciao,

Petkovic tra rammarico e soddisfazione: "Meritavamo di battere il Napoli, la Lazio è sulla strada per diventare una big"

Il tecnico biancoceleste ha apprezzato molto la gara dei suoi: "Faccio i complimenti ai miei ragazzi, abbiamo avuto diverse occasioni per il 2-0 ed è un peccato non aver vinto".

Il pareggio col Napoli scatena sentimenti opposti nell'animo di Petkovic. Uno di soddisfazione per la grande partita giocata dalla Lazio e per un Floccari che di questo passo non farà rimpangere Miro Klose, l'altro di rammarico per non aver conquistato i tre punti che fino alla fine sono stati lì ad un passo.

"Tanti complimenti ai miei ragazzi, ci siamo ritrovati e disputato un'ottima gara. Abbiamo sofferto quando necessario, ma abbiamo creato tanto; avremmo meritato la vittoria, ma complimenti anche al Napoli. Abbiamo dato vita a una gara spettacolare", dichiara ai microfoni di 'Sky Sport'.

Il tecnico bosniaco sa bene però che con un pizzico di lucidità e fortuna in più la vittoria sarebbe arrivata: "Abbiamo avuto diverse occasioni per fare il 2-0, l'errore è dovuto alla mancanza di lucidità. È un peccato non aver vinto stasera Potevamo chiudere la partita anche prima, siamo sulla buona strada per diventare una big. Siamo stati sfortunati oggi, in futuro tireremo anche la fortuna dalla nostra parte".

Soltanto nella ripresa, anche a causa di uno scatenato Insigne, la Lazio ha subito l'iniziativa del Napoli: "Insigne ha cambiato la gara del Napoli, ha portato iniziativa sull'out mancino. È davvero forte quando ha palla al piede, tuttavia abbiamo concesso davvero poco. Nella ripresa abbiamo abbassato il baricentro a causa dei tanti attaccanti inseriti da Mazzarri"

Il 'Petko' non fa proclami Scudetto, ma punta a tirare fuori il meglio dalla sua Lazio: "Possiamo vincere contro chiunque, la classifica dice che non dipende da noi. Noi faremo il massimo, vedremo il rendimento di Juve e Napoli a fine stagione. Champions? Dobbiamo sempre puntare al massimo, dobbiamo provare sempre a vincere da qui alla fine".

E poi con un Floccari così..."Quando un attaccante inizia a segnare prende fiducia. Sergio lavora tanto per la squadra ma sta riuscendo a fare anche tanti gol".

Sullo stesso argomento